Form di ricerca

Comunicati stampa 2021

Comunicati Stampa

Bari, 10 marzo 2022 – Il termine pallet, o più semplicemente pedana o bancale, è una struttura piatta di assegnate dimensioni (120cm x 80cm, europallet) su cui vengono posate le merci. I pallet, omogenei o eterogenei, per forma e peso, sono composti secondo adeguate volumetrie per essere collocati in contenitori (cassoni, container) adatti a varie tipologie di trasporto. La Logistica 4.0, e più in particolare la gestione della logistica interna, relativa alle attività di magazzino, studia le migliori condizioni di composizione e i relativi tempi di esecuzione della movimentazione merci. Tali attività si riflettono sulle imprese di settore con importanti ricadute di costi economici. L’ottimizzazione della pallettizzazione delle merci, ossia la migliore collocazione per il trasporto e, contestualmente, la preservazione della qualità dei prodotti sono di grande rilevanza commerciale. L’efficienza della spedizione infatti, è un tema fondamentale per le aziende che si occupano di movimentazione merci. In letteratura e nel settore industriale, questo problema, noto come Bin Packing Problem, è ampiamente studiato. Tuttavia, esso presenta ancora diverse criticità irrisolte, legate sia alla definizione e soddisfacimento di requisiti aziendali sia ai metodi di risoluzione.

La ricerca nel Poliba. Giulia Tresca, 25 anni, pugliese di Barletta, è una giovane dottoranda del Politecnico di Bari. Afferisce al laboratorio “Decision and Control Laboratory”, coordinato dalla prof.ssa Mariagrazia Dotoli, ed è impegnata in ricerche di settore. A luglio 2020 si laurea con lode in Ingegneria Informatica magistrale al Poliba con una tesi dal titolo: “Sistemi intelligenti di Bin Packing per la Logistica 4.0”. La sua tesi di laurea è finanziata dal laboratorio pubblico-privato IoT 4.0, fondato nel 2020 dal Politecnico di Bari, dall’Istituto Italiano di Ricerca e Sviluppo - Organismo di Ricerca (ISIRES), dalla multinazionale “Elettric80” e dalla sua business unit, “SM.I.LE80”.

Il lavoro di ricerca per la tesi è svolto con la guida dei proff. del Poliba, Mariagrazia Dotoli, coordinatrice del Dottorato di Ricerca in Industria 4.0, Alfredo Grieco, responsabile scientifico del laboratorio IoT 4.0 e dall'azienda del gruppo, “SM.I.LE80”. Grazie al lavoro di tesi, Giulia studia e sviluppa un efficace algoritmo che consente una soluzione alle limitazioni nella gestione della movimentazione merci di magazzino (pallettizzazione) con conseguenti miglioramenti rispetto alle specifiche aziendali.

Il Premio. Tale ricerca non passa inosservata alla comunità scientifica e all'autrice viene attribuito il prestigioso riconoscimento, “ABB 2021 Master Thesis Award”.

Il premio, alla quarta edizione, sostenuto da ABB, una delle più gradi multinazionali di elettrotecnica, operante nella robotica, nell'energia e nell'automazione e IEEE (Institute of Electrical en Electronics Engineers), la più rinomata associazione internazionale di scienziati nel campo dell’ingegneria elettrica e elettronica, mira a valorizzare le tesi di laurea che propongono soluzioni innovative dall’elevato potenziale applicativo sui temi legati all’energia e all’industria. La quarta edizione, per il 2021, ha premiato in tutta Italia solo due tesi di laurea (e tra queste figura quella di Giulia) e due di dottorato di ricerca. Attualmente, l'ing. Giulia Tresca, soddisfatta per il riconoscimento ottenuto, svolge la propria attività di ricerca sul “Control systems and optimization methods for industrial logistic” con una borsa di dottorato finanziata da “Elettric80”, presso il “Decision and Control Laboratory” sotto la supervisione della prof. Mariagrazia Dotoli, docente del Poliba, e dell’ing. Graziana Cavone, assegnista di ricerca del Poliba.

Comunicato stampa.

Il Poliba propone, per il secondo anno, da marzo a giugno, un percorso formativo dedicato all'architettura attraverso con un ciclo di seminari.

Bari, 16 marzo 2022 – La Lectio Magistralis, “Un’architettura per una nuova alleanza tra l’uomo e la terra” del prof. Paolo Portoghesi, riferimento e monumento vivente dell'architettura contemporanea italiana (10 marzo), ha inaugurato la seconda edizione del ciclo di seminari, “Pensare l’Architettura”, percorso formativo ideato nella cornice del corso di Teoria dell’Architettura del Dipartimento DICAR del Politecnico di Bari. (Qui il seminario di Paolo Portoghesi: https://m.youtube.com/watch?v=fRIUI4x62c4).

Volutamente, la 2° edizione, ha aperto un confronto con esperienze nazionali ed internazionali, nell’ambito della ricerca, della didattica e del progetto di Architettura e che proseguirà per prossimi dodici appuntamenti, da marzo a giugno, con cadenza settimanale, il giovedì. Tredici docenti provenienti da atenei italiani ed esteri, significativamente impegnati nella pratica del progetto, vogliono significare, in una successione di lezioni, occasioni di confronto tra scuole, pensieri, approcci ed esperienze, il tema non facile del rapporto tra Teoria e Progetto nell'architettura.

A ciò non si sottrae il tema del prossimo appuntamento, “Ricostruzioni”, in programma domani, giovedì, 17 marzo, ore 9,30, che vedrà la partecipazione, in qualità di relatore, il prof. Alberto Ferlenga, professore ordinario di Progettazione architettonica, già rettore dell'Università IUAV di Venezia. Fortemente legata alla pratica, la teoria in architettura ha indubbiamente, da sempre, mostrato una implicita debolezza rispetto ad altre discipline raggiungendo solo in rari momenti di passaggio un livello paragonabile ad esse. Indubbiamente oggi ci troviamo in uno di questi momenti ed è la centralità dei temi ambientali a costringerci a rivedere anche ruolo e necessità dell’architettura. Il seminario ripercorrerà alcuni temi specifici della teoria architettonica a partire dal punto di vista degli architetti, dalla necessità di ricostruirne la cultura e dalla capacità del progetto di svolgere un ruolo analitico.

La conferenza avrà luogo, in presenza, nell'aula magna, “Domus Sapientiae” del Dipartimento DICAR del Poliba (campus universitario) e on line sulla piattaforma Cisco Webex (https://poliba.webex.com/poliba/j.php?MTID=me113f997400c648c2f9055569dd29b88 - password webinar: ferlenga) e sul Canale YouTube del Politecnico di Bari. Per informazioni: mariangela.turchiarulo@poliba.it

Il programma. Introduzione: Mariangela Turchiarulo, delegata del Rettore alla Comunicazione istituzionale. Saluti: Loredana Ficarelli, Prorettice del Poliba; interviene Carlo Moccia, Direttore del Dipartimento dell'Ingegneria e dell'Architettura.

Il relatore. Alberto Ferlenga, è professore ordinario di progettazione architettonica all’Università Iuav di Venezia, dopo 12 anni all’Università “Federico II” di Napoli. Fondatore e presidente dell’Associazione Villard che raggruppa il seminario omonimo e il dottorato internazionale Villard d’Honnecourt. Dal 2008 è direttore della Scuola di Dottorato Iuav. Autore di numerosi volumi tra cui la monografia su Aldo Rossi, quella su Dimitris Pikionis, quella su Hans Van der Laan e il volume su Joze Plecnik e Lubiana, la guida sulle città romane del nord Africa. È stato curatore di varie mostre Ha progettato ed eseguito progetti di allestimento, tra cui il Padiglione Italia della V Mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia (1991). Alberto Ferlenga è stato rettore dell’Università Iuav di Venezia dal 1° ottobre 2015 al 30 settembre 2021.

Ecco il programma completo del ciclo di seminari della 2° edizione di “Pensare l'Architettura” -  marzo-giugno 2022.

10 marzo 2022. Un’architettura per una nuova alleanza tra l’uomo e la terra. Paolo Portoghesi; 17 marzo. Ricostruzioni. Alberto Ferlenga; 24 marzo. Dalla Geografia all'Oggetto. Aldo Aymonino; 31 marzo. Afferrare lo spazio. Didattica, ricerca, opere, progetti. Francesco Cacciatore; 7 aprile. La lezione delle città, la lezione dei maestri, la lezione della vita. Edoardo Narne; 14 aprile 2022. Progettare Antico. Antonello Monaco; 5 maggio. Per una Teoria della formatività. Carlo Moccia; 12 maggio 2022. L’uomo che si smarrì nell’Architettura della città e si ritrovò nell’Architettura della Terra. Autoritratto e altre rovine. Carlo Ravagnati; 19 maggio 2022. Iuxta propria principia. Topografia, Tipologia, Tettonica. Marco Trisciuoglio; 26 maggio. Progetto di Teoria. Jörg H. Gleiter; 9 giugno. Capire gli oggetti composti alla luce della logica del tutto e delle parti. Sylvain Malfroy; 16 giugno. Oltre la rovina. Luigi Franciosini; 23 giugno. Il progetto di Architettura come strumento di conoscenza. Loredana Ficarelli.

Comunicato stampa.

Poliba-Comune di Bari per il sociale. Domani, 2 marzo 2022, ore 11:00, nel campus

Bari, 1 marzo 2022 -“Segni e linguaggi della violenza di genere” è il titolo della lezione aperta a studenti, studentesse e docenti del Politecnico di Bari e non. Organizzata dal Centro Antiviolenza dell’Assessorato al Welfare del Comune di Bari e dal Politecnico di Bari, l'iniziativa di sensibilità sociale è in programma domani, mercoledì, 2 marzo, ore 11,00, nel campus universitario, nell’Aula Magna “Domus Sapientiae” del Dipartimento di Ingegneria Civile e dell'Architettura (dICAR). All'incontro parteciperanno Francesca Bottalico, Assessora al Welfare del Comune di Bari, Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico di Bari, Annalinda Neglia, Delegata al Welfare e Pari Opportunità del Poliba e Marika Massara, Coordinatrice del Centro Antiviolenza dell’Assessorato al Welfare per la cooperativa sociale Comunità S. Francesco.

Nel corso della “lezione”, aperta a tutti, saranno affrontati diversi temi: dalle radici culturali della violenza alla disparità di potere nelle relazioni tra uomo e donna, così come emerge nei linguaggi e nella cultura popolare, agli stereotipi di genere divulgati mediante le varie forme espressive che caratterizzano la nostra quotidianità e di cui la comunicazione è intrisa. Inoltre, le operatrici del Centro Antiviolenza comunale illustreranno, le strategie per contrastare stereotipi e linguaggi violenti nonché gli strumenti a disposizione per intraprendere un percorso di fuoriuscita della violenza con il supporto delle professioniste del Centro stesso.

La Mostra. Alla lezione seguirà, nell’Atrio Cherubini (campus universitario), primo piano del corpo Biblioteca Centrale del Politecnico, l’inaugurazione della mostra, “Vite plurali. Vite di donne”.
Le opere esposte sono state selezionate tra le 100 raccolte nell’ambito della call for art di Generare Culture Nonviolente promossa, nello scorso mese di novembre, con l’obiettivo di costruire, insieme alla cittadinanza, una campagna di sensibilizzazione e comunicazione sociale contro la violenza sulle donne. 

Il Politenico di Bari, sensibile al tema della violenza sulle donne, ha inteso percorrere la strada della collaborazione, della sensibilizzazione e soprattutto della partecipazione  ad iniziative concrete. Da circa un anno, ha attivato nel campus universitario lo sportello del Centro Antiviolenza dell’Assessorato al Welfare del Comune di Bari. A tale servizio, si ricorda, si accede mediante prenotazione, contattando il numero attivo h24 tel. 328 8212906 o il numero verde 800202330, oppure scrivendo all'indirizzo e-mail info@centroantiviolenza.it o in posta privata sulla pagina Facebook del Centro Antiviolenza Bari.

Comunicato stampa.

Trasporti. Dal 28 febbraio al 3 giugno 2022. Ore, 7,30 da Bari. 17,05 da Taranto.

Bari, 2 marzo 2022 - Il Politecnico di Bari ha attivato dallo scorso 28 febbraio, a favore dei suoi studenti e del personale docente e tecnico amministrativo, un servizio bus gratuito di collegamento da e per le sedi dell'ateneo di Bari e Taranto.
L'iniziativa nasce da un'apposita convenzione sottoscritta dal Poliba con il Comune di Taranto. Il servizio è effettuato tutti i giorni di lezione previsti dal calendario accademico, ad esclusione del sabato e domenica sino al 3 giugno 2022. Il collegamento Bari-Taranto e viceversa è gestito dalla società Ceglie Eurobus. Capienza, 32 posti. 

Orari del servizio, dal lunedì al venerdì, sino al 3 giugno.

Andata. Partenza, da Bari-Campus Universitario (ingresso principale da via Orabona), ore 7,30. Fermate intermedie: Gioia del Colle (stazione Q8 via Federico II di Svevia), ore 8:00;  Massafra, (Strada statale Appia), ore 8:10; Taranto-Porto Mercantile, ore 8,30; Taranto sede Poliba, ore 8,55.

Ritorno. Partenza, da Taranto-sede Poliba, ore 17,05.  Fermate intermedie: Taranto, Porto Mercantile, ore 17,30; Massafra, Strada statale Appia, ore 17,45; Gioia del Colle, stazione Q8, via Federico II di Svevia, (nei pressi autostazione Marino), ore 18,00; Bari Campus universitario (ingresso principale da via Orabona), ore 18,30.

Inoltre, a breve, sarà disponibile un'apposita applicazione, che consentirà agli utenti la prenotazione, con cadenza settimanale, del posto. Nelle more, il servizio potrà essere fruito fino ad esaurimento posti e senza necessità di preventiva prenotazione.
Per fruire del servizio è sufficiente esibire tesserino o altro documento idoneo ad attestare lo status di studente o di personale docente o tecnico amministrativo del Politecnico di Bari (per gli studenti sarà sufficiente esibire documento scaricabile dal portale Esse3, accompagnato da documento di riconoscimento).

Nell’eventualità in cui il numero di fruitori, nell’ambito di ciascuna singola corsa, sia superiore ai posti disponibili, sarà assicurata priorità agli studenti o al personale diversamente abile.

Eventuali ulteriori informazioni sulle modalità di fruizione del servizio potranno essere richieste via e-mail al seguente indirizzo: cesare.bucci@poliba.it

 

Comunicato stampa.

A seguito dei fatti drammatici di guerra che in queste ore stanno coinvolgendo e sconvolgendo lo stato indipendente dell'Ucraina, i Rettori delle Università della Regione Puglia, esprimono partecipata solidarietà e vicinanza agli studenti, ricercatori e collettività ucraina presente nei rispettivi atenei e chiede a gran voce alla comunità internazionale di adoperarsi con urgenza per l'immediata cessazione delle ostilità.  

Università di Bari, Aldo Moro - Stefano Bronzini
Università del Salento – Fabio Pollice
Politecnico di Bari – Francesco Cupertino
Università di Foggia – Pierpaolo Limone

 

Comunicato stampa.

Sport. Dal 13 al 22 maggio a Cassino è in programma la 75° edizione
 

Bari, 23 febbraio 2022 – Dal 13 al 22 maggio avrà luogo a Cassino (FR) la 75° edizione dei Campionati Nazionali Universitari, la più importante iniziativa di sport universitario. Indetta dal Centro Universitario Sportivo Italiano (CUSI) ed organizzata con la collaborazione dei Centri Universitari Sportivi (CUS) e delle Federazioni Sportive Nazionali (FSN) la manifestazione, assente dal 2019 a causa della pandemia, sarà curata dal Cus Cassino e dalla locale Università del Lazio meridionale con la partecipazione di enti locali pubblici e privati.
I Campionati Nazionali Universitari sono vere e proprie olimpiadi, massima espressione del movimento sportivo universitario agonistico a livello nazionale, e rappresentano un grande momento di incontro agonistico fra gli studenti di tutte le università Italiane.

Per l'edizione 2022 è prevista la partecipazione di circa 80 università e 4000 studenti chiamati a misurarsi in 25 discipline sportive individuali e a squadre quali: Atletica Leggera, Canoa, Kayak, Canottaggio, Judo, Karate, Pugilato, Scherma, Sci alpino, Taekwondo, Tennis, Tiro a segno, Calcio, Calcio a 5, Pallacanestro, Pallavolo Maschile, Pallavolo Femminile, Rugby a sette.
Per tale appuntamento sarà presente anche il Cus Bari chiamato a formare la propria rappresentativa con gli studenti del Politecnico, dell'Università, dell'Accademia delle Belle Arti e del Conservatorio della città di Bari.

Come da regolamento, la manifestazione sportiva è riservata agli studenti di qualsiasi nazionalità, iscritti ad un corso di studi (laurea triennale, laurea magistrale, laurea a ciclo unico, diploma di specializzazione, dottorato di ricerca, master di I e II livello), di un’università italiana, le Accademie di Belle Arti ed i Conservatori di Musica, nati tra il 1° gennaio 1993 ed il 31 dicembre 2004 e, nello specifico, iscritti al CUS Bari per l’anno 2022. 

Gli studenti del Poliba interessati a partecipare o per conoscere ulteriori informazioni possono consultare i link: https://www.cusbari.it/events/campionati-nazionali-universitari-2022/ .

Sito ufficiale della manifestazione: www.cnu2022.it.

 

Comunicato stampa.

Il concerto. Museo della Fotografia Poliba, martedì 22 febbraio, ore 18,30.
Ingresso gratuito, previa prenotazione, sino ad esaurimento posti disponibili.

Bari, 18 febbraio 2022 – Dopo il seminario “Perché leggere e studiare Tolkien nei momenti di cambiamento” dello scorso 3 febbraio, il primo dei tre concerti previsti dal programma della terza edizione de “I concerti del Politecnico” proseguirà l'iniziativa promossa e realizzata dal Poliba con ARCoPu, l'Associazione regionale dei cori pugliesi. Il secondo appuntamento con la musica da camera sarà incentrato musicalmente sulla domanda che è anche titolo dell'evento, Mozart, Rossini e i suoni infiniti potranno farci rivedere la luce?” Interrogativo provocatorio, aderente al presente fuggente, cangiante. 

Il concerto sarà proposto dal Quintetto di Fiati “Il Canto delle Muse” (Francesco Scoditti – Flauto; Anna Maria Minerva – Oboe; Daniela Zurlo – Clarinetto; Antonella Barile – Corno Saverio Casamassima – Fagotto) e intenderà offrire al pubblico un progetto musicale che dimostri le grandi possibilità espressive e tecniche degli strumenti a fiato attraverso diversi momenti musicali che insistono sulla eterogeneità timbrica del quintetto di fiati. Il gruppo proporrà un itinerario musicale vasto, con composizioni che dal Settecento di Mozart (Il flauto magico) proseguirà con Rossini (Il Barbiere di Siviglia e L’Italiana in Algeri), fino all'ottocento di Verdi (Nabucco) e Bizet (Carmen). Il concerto per quintetto di fiati, è in programma il prossimo martedì, 22 febbraio, ore 18,30 presso il Museo della fotografia del Politecnico, nel campus universitario. L'ingresso è gratuito, previa prenotazione, sino ad esaurimento posti disponibili.

Per prenotazione biglietti: Prenota qui.

Ulteriori informazioni: https://www.arcopu.com/it/cosa-facciamo/i-concerti-del-politecnico-2021-2022/22feb2022

La terza edizione de “I concerti del Politecnico” è organizzata dal Politecnico di Bari e da ARCoPu, con i patrocini della Regione Puglia e del Ministero della Cultura e il supporto di Randstad, Openwork, Irccos in qualità di partner di progetto.                                                                       

 

Comunicato stampa.

Servizi. Da lunedì, 21, in presenza, nella nuova sede, nel campus universitario.

 

Bari, 17 febbraio 2022 - Lo stress che la vita universitaria comporta può essere fonte di malessere con riflessi nella qualità della vita. L'ansia per gli esami, il timore per il futuro, il confronto con colleghi e professori, può portare a sperimentare sentimenti di confusione, di inefficacia.

Per facilitare gli studenti nel percorso degli studi, ma anche la vita lavorativa dei dipendenti del Poliba, sarà disponibile, da lunedì, 21 febbraio, nel campus universitario, il Servizio di Counseling Psicologico. L'iniziativa del Politecnico, riattivata in presenza, intende rispondere alle esigenze della comunità universitaria del Poliba attraverso uno spazio di ascolto e confronto con esperti professionisti, psicologi e psicoterapeutici. Obiettivo del servizio: fornire l’adeguato supporto di cui ognuno ha bisogno, con la finalità di accompagnare gli utenti in un percorso di consapevolezza, conoscenza di sé, cambiamento e crescita personale.

In particolare il servizio riguarderà ambiti quali: la gestione dello stress nel contesto universitario; la promozione del coping efficace e il sostegno alla fragilità emotiva attraverso un ciclo di colloqui individuali; un percorso clinico comprendente un ciclo di incontri per intervento focale psicoterapeutico su problematiche più o meno durature di tipo ansioso, depressivo, conflitti interni sulla definizione di Sé e identità; training su organizzazione e pianificazione dello studio, gestione strategica del tempo, problem solving, stile comunicativo efficace, motivazione allo studio. Particolare pubblico di riferimento saranno quegli studenti che sperimentano un personale disagio correlato a transizioni, interruzioni, blocchi, ritardi nel perseguimento degli obiettivi di studio. Inoltre, per utenti con Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) certificato, su specifica richiesta, sarà attivo un percorso di sostegno dedicato che comprende anche indicazioni di orientamento in entrata, itinere e in uscita, nel raccordo con altri servizi e figure di Ateneo, e indicazioni pratiche circa la disponibilità di servizi e strutture territoriali dedicate alle problematiche di DSA. Gratuito. Il servizio di  Counseling Psicologico del Poliba è totalmente gratuito e garantisce la massima tutela della privacy e il rispetto dei principi di deontologia professionale dell'Ordine degli Psicologi.

Modalità di accesso. Per accedere al servizio sono previste più modalità: attraverso il format di prenotazione: http://www.poliba.it/it/didattica/prenotazione-servizio-di-counseling-psicologico-poliba; direttamente, recandosi presso la sede del servizio di Counseling, sita al piano terra del plesso "Luigi Salvatore", nel Campus Universitario, durante gli orari di apertura: lunedì, dalle ore 15.00-17.00 e venerdì, dalle ore 10:30-12:30, mentre per utenti con Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA), lunedì dalle ore 10.00 alle ore 12:00; attraverso mail: consulenzapsicologica@poliba.it; telefono, 080 5963049 (attivo negli orari d'apertura al pubblico).                                                                       

Comunicato stampa.

I giovani nell'industria. Modelli di incubazione e specificità territoriali: nuove opportunità per l’ecosistema regionale.
Unico evento per il centro sud Italia è in programma martedì, 8 febbraio, ore 15,00. L’iniziativa live sul canale You Tube del Politecnico

Bari, 5 febbraio 2022 – Per l’Unione Europea, le giornate dell'industria sono la principale piattaforma di discussione sul futuro del settore e le “Settimane dell'industria dell'UE” ne costituiscono una cornice più ampia. 
Parti interessate dell'industria, della ricerca e dell'innovazione, dell’università si sono mobilitate per organizzare eventi locali al fine di portare il dibattito alle comunità locali in tutta Europa. Le iniziative locali confluiranno nell'edizione 2022 della "Settimana dell'industria EU" in programma dall’8 all’11 febbraio e oltre, fino alla fine del mese.   Workshop virtuali, fiere, seminari, sessioni a porte aperte e presentazioni aziendali dimostreranno come gli ecosistemi industriali europei si stanno avvicinando ai temi quali: la transizione verde e digitale; Resilienza; Giovani nell'industria.
All’iniziativa europea 2022, un contributo giungerà dalla Puglia, rappresentata dal Politecnico di Bari che, appositamente selezionato, proporrà come unico evento locale nel sud Italia, nell’ambito del tema: “I giovani nell’Industria”, il webinar: “Modelli di incubazione e specificità territoriali: nuove opportunità per l’ecosistema regionale”. L’evento, in programma martedì, 8 febbraio, dalle 15,00 alle 17,00, verrà trasmesso in streaming sul canale YouTube del Poliba.
Il workshop si rivolgerà principalmente a ricercatori, studenti, startupper e imprenditori interessati a comprendere come i percorsi di creazione di impresa e incubazione siano fortemente legati e influenzati dalle specificità degli ecosistemi locali e come, pertanto, non esistano ricette universali, ma modelli e soluzioni vadano fortemente contestualizzati al territorio e disegnati in base alle opportunità che i diversi contesti (economici e sociali) possono offrire in termini sia di deal flow sia di domanda di innovazione.
Il workshop si pone l'obiettivo di stimolare un dibattito sul tema dei cosiddetti modelli di incubazione place-based (ossia basati sulle specificità dei contesti in cui nascono) attraverso la condivisione di esperienze nazionali e internazionali provenienti dal sistema degli incubatori e acceleratori, delle imprese (startup e PMI in primis), del venture capital e dei policy maker. 
Secondo il Rettore, Francesco Cupertino, “il Politecnico di Bari, in linea con la sua strategia di sviluppo, vuole accrescere la sua capacità di trasferimento tecnologico avvicinando sempre più il mondo della ricerca all'interazione con la domanda di mercato e con il sistema dei finanziamenti. In quest'ottica, momenti di condivisione e confronto come questo sono fondamentali per focalizzare al meglio quali approcci e soluzioni adottare per favorire la nascita e lo sviluppo di iniziative imprenditoriali innovative e high-tech che possano anche supportare le molteplici transizioni che il nostro territorio sta affrontando”. 
Il programma del workshop. Interventi: Francesco Cupertino, Magnifico Rettore del Politecnico di Bari; Alessandro Delli Noci, Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia; Sergio Fontana, Presidente di Confindustria Puglia. 
Contributi: Andrea Sianesi, Presidente di PoliHub; Lorenzo Massa, professore di Business Design presso l’Aalborg Science & Innovation Hub; Cristina Angelillo, Presidente di InnovUp; Ernesto Mininno, amministratore delegato di Cyber Dine;  Claudia Pingue, Technology transfer fund manager presso CdP Venture Capital;  Gianna Elisa Berlingerio, Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico della Regione Puglia;  Mario Citelli, Consulente strategico. 
Moderatore: Antonio Messeni Petruzzelli; professore di Gestione dell’Innovazione presso il Politecnico di Bari.                                                                       

Comunicato stampa.

Anno Accademico 2021-22. Giovedì, 3 febbraio, ore 18,30, Aula Magna Dipartimento ICAR

Si comincia con il seminario, “Vedere il mondo 'Sub specie aeternitatis'. Perchè leggere e studiare Tolkien nei momenti di cambiamento d’era?”

Bari, 1 febbraio 2022 – Il seminario, “Vedere il mondo 'Sub specie aeternitatis'. Perchè leggere e studiare Tolkien nei momenti di cambiamento d’era?”, in programma, giovedì, 3 febbraio, ore 18,30, terrà a battesimo la terza edizione de “I Concerti del Politecnico”, iniziativa culturale e musicale promossa dal Politecnico di Bari in collaborazione con ARCoPu, l'Associazione Regionale dei Cori Pugliesi. 
Il seminario, in programma nell'aula magna "Domus Sapientiae" del Dipartimento ICAR (campus universitario), è il primo dei sei appuntamenti previsti dal programma che prevede, da febbraio a giugno prossimi, tre seminari e tre concerti, presso le sedi del Poliba. 
Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e aperti al pubblico previa prenotazione sino ad esaurimento dei posti disponibili. Si accede con green pass. 
Per approfondimenti e maggiori informazioni sul seminario in programma il 3 febbraio: https://www.arcopu.com/it/cosa-facciamo/i-concerti-del-politecnico-2021-2022/3feb2022
Per prenotare il biglietto gratuito: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-vedere-il-mondo-sub-specie-aeternitatis-253593875107
La terza edizione de “I concerti del Politecnico” è organizzata dal Politecnico di Bari e da ARCoPu, con i patrocini della Regione Puglia e del Ministero della Cultura e il supporto di Randstad, Openwork, Circcos in qualità di partner di progetto.

Comunicato stampa.

A. A. 2021/22. Prorogati i termini per la partecipazione: nuova scadenza, 11 febbraio 

Bari, 31 gennaio 2021 – Con apposito decreto rettorale, n. 54, sono stati prorogati i termini per la presentazione delle domande di selezione alla XVIII edizione del Master di II livello in “Pianificazione Territoriale e Ambientale” del Politecnico di Bari.  Il termine, inizialmente fissato al 18 gennaio, è stato prorogato al prossimo, 11 febbraio (ore 23,59). 
Tale specializzazione conferma la risposta formativa del Poliba dedicata alla crescente domanda di qualità ambientale, sicurezza del territorio, gestione sostenibile delle risorse. Il suo progetto didattico-scientifico mira a trasferire conoscenze per formare capacità volte alla tutela e valorizzazione del territorio e dell’ambiente. Le figure formate dal master sviluppano competenze nel campo della mobilità sostenibile, della riqualificazione e rigenerazione delle aree abbandonate e degradate, del risanamento ambientale.
Il percorso formativo prevede un approccio interdisciplinare. Sono previsti 12 moduli, per un totale di 60 crediti formativi universitari (CFU) su: Pianificazione della Mobilità e dei Trasporti; Selvicoltura; Idraulica Ambientale e Territoriale; Biologia Ambientale; Economia Ambientale; Ingegneria e Pianificazione Territoriale; Sistemi Organizzativi; Fisica Tecnica Ambientale; Geologia Ambientale; Sistemi Informativi Territoriali; Geomatica; Modelli matematici per l’Ingegneria Ambientale. 
Il corso è a numero chiuso per massimo 30 candidati provvisti di qualsiasi laurea specialistica, magistrale o laurea vecchio ordinamento. Mentre, i candidati laureandi possono essere ammessi “con riserva” a frequentare il Master, a condizione che comunichino tempestivamente l’avvenuto conseguimento della laurea richiesta. Non sono previsti limiti di età e cittadinanza. Prevista una selezione basata su una valutazione curriculare ed un colloquio attitudinale. 
Le attività didattiche del Master si svolgeranno presso il Politecnico di Bari, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica – Campus Universitario. Il percorso formativo è compatibile con l’erogazione delle Borse di Studio erogate dalla Regione Puglia. 
Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico: biagio.palombella@poliba.it. Il bando completo è disponibile al presente indirizzo: http://www.dicatechpoliba.it/en/dicatech-dottorati-di-ricerca-e-master

Comunicato stampa.

Architettura e arredo. I manufatti potrebbero replicarsi in tutte le stazioni della rete FSE
I nuovi arredi made in Puglia presenti nella stazione di Bari–Ceglie Carbonara 

Bari, 27 gennaio 2022 - Ferrovie del Sud Est e Dipartimento di Ingegneria Civile e dell'Architettura del Politecnico di Bari  insieme per cambiare il volto delle stazioni.
La prima è quella di Bari–Ceglie Carbonara, dove da qualche settimana si sono conclusi i lavori di ristrutturazione e restyling. Un modello di sperimentazione e di collaborazione quello tra Ferrovie del Sud Est e Poliba che guarda al futuro, facendo ricorso a materie prime locali e avvalendosi del supporto di aziende pugliesi.
I prototipi Poliba. Per questa stazione sono stati realizzati due prototipi: la pensilina “cornice” e la panca “nastro”, secondo i disegni ideati (Disegno o Modello Comunitario registrato EUIPO, Alicante il 12/06/2021 N° 008574818-0001) dal prof. arch. Giuseppe Fallacara del Politecnico di Bari, resi esecutivi dall’arch. Marco Stigliano e l’ing. Michele Masciavè, e realizzati dalla Pi-Mar srl di Cursi (Lecce) in collaborazione con altre aziende artigianali locali.  
Le caratteristiche della pensilina “a cornice”. La pensilina “cornice” deve il suo nome alla sua forma che richiama una grande cornice rettangolare “sospesa” da terra. La geometria della “modanatura” è definita dalla forma di due sedute specchiate e opposte. La “cornice” si interrompe in mezzeria della base per consentire il passaggio centrato degli utenti da entrambi i lati. La “cornice” è sospesa su una struttura a telaio di acciaio zincato a caldo e si conclude superiormente con una copertura in vetro strutturale, per una larghezza totale di circa 3 metri, a protezione dalle acque meteoriche. Dalle dimensioni di massimo ingombro pari a circa 627x302 cm per un’altezza max di circa 377 cm, la pensilina consente di avere dodici posti a sedere coperti. I materiali costituenti sono tre: acciaio zincato per la struttura portante, pietra ricomposta per la “cornice” portata e vetro strutturale per la copertura. 
L’intera pensilina, nella parte fuori terra, è concepita per essere montata e smontata in quanto globalmente imbullonata in ogni sua componente. Per consentire il miglior deflusso delle acque piovane sulla superficie di seduta delle panche i blocchi componenti, situati alla base della “cornice”, sono inclinati di pochi millimetri verso il centro della pensilina. L’intero sistema di arredo urbano è stato pensato, nella sua saldezza strutturale e nella qualità dei materiali usati, per una durata di vita d’esercizio molto lunga. La pensilina è calcolata per essere usata sia come elemento ferroviario, sulle banchine dei treni, sia in qualsiasi contesto urbano. Il suo miglior utilizzo potrebbe essere associato all’atto di “incorniciare” le migliori vedute paesaggistiche dei luoghi per coniugare il tempo dell’attesa con quello del piacere di volgere lo sguardo verso il panorama specifico del sito o verso porzioni di un contesto a volte poco facile da comprendere e interpretare. 
Le caratteristiche della panchina “a nastro”. Concepita per essere al contempo panchina e stallo per le biciclette le cui ruote possono inserirsi tra le pieghe curvilinee del ricciolo del nastro, la panchina, in virtù della sua geometria modulare può espandersi senza soluzione di continuità, essendo costruita da moduli a “C” componibili all’infinito. L’opera è frutto dell’esito di una ricerca decennale portata avanti dal Politecnico di Bari, nel Dipartimento DICAR, sul tema dell’architettura litica ove i blocchi sono costituiti da pietra ricomposta ovvero da malta e residui di polveri di pietra leccese conformati in appositi stampi cementizi per un approccio green e rispettoso dell’ambiente.
L’impegno di FSE per rendere le stazioni più accessibili e vivibili. Bari Ceglie- Carbonara e Adelfia sono le prime due fermate della linea ferroviaria 1bis “Mungivacca-Putignano” dove Ferrovie del Sud Est ha realizzato interventi per abbattere le barriere architettoniche e facilitare l’accesso al treno. In entrambe sono stati innalzati i marciapiedi in modo da facilitare la salita e la discesa dei passeggeri dal treno, è stata adeguata la segnaletica, sono stati installati percorsi tattili per ipovedenti e curate le aree verdi. 

Comunicato stampa.

 

 

 

La manifestazione si svolgerà interamente al Poliba. Ingresso gratuito e pubblico.

Bari, 21 gennaio 2022 – In sei incontri, tra musica e seminari, da febbraio a giugno prossimi, si svilupperà la terza edizione de “I Concerti del Politecnico”. L'iniziativa, nata dalla collaborazione del Politecnico di Bari con l'Associazione Regionale dei Cori Pugliesi, torna in presenza e con rinnovati propositi dopo due anni. In realtà la terza edizione fu presentata il 24 febbraio 2020 ma non ebbe mai seguito a seguito della pandemia e del conseguente annullamento degli eventi. A distanza di due anni e con un rinnovato programma, l'edizione numero 3 è stata ripresentata questa mattina (21 gennaio) al Politecnico, sala video-conferenze, dal Rettore, Francesco Cupertino e dai direttori artistici, il regista, Gennaro Nunziante e il presidente di ArcoPu, Pierfranco Semeraro. Il programma si caratterizzerà da sei appuntamenti gratuiti e aperti al pubblico, dedicati  alla musica e a seminari su temi culturali.

“La relazione arte-cultura e attività del Politecnico” diventano sempre più imprescindibili secondo il Rettore, Cupertino. Lo testimoniano la rinnovata edizione de “I Concerti”, ma anche la recente istituzione del coro del Poliba sullo sfondo di possibili filoni di indagine e ricerca del Poliba per sviluppi scientifici settoriali, come la creatività digitale, la comunicazione digitale, il post-produzione cinematografico.

“L'eternità non è così durevole” è la frase presa in prestito dal poeta, Mario Luzi, che caratterizzerà i  contenuti della stagione 2022. Frase quanto mai attuale e di invito a riflettere sulla nostra condizione temporale in questo particolare momento. “L'eternità – secondo Nunziante – che ognuno di noi costruisce avendo certezza di non poterla vivere”. Il cartellone prevede i seguenti appuntamenti presso il Politecnico, nel campus: Si comincia, giovedì, 3 febbraio 2022, ore 18,30, Aula Magna “Domus Sapientiae” - Dipartimento ICAR.

Seminario. Vedere il mondo “Sub specie aeternitatis”. Perchè leggere e studiare Tolkien nei momenti di cambiamento d’era? Si prosegue con gli altri eventi.

Musica. Martedì, 22 febbraio 2022,  ore 18,30, Museo della Fotografia

L’infinito della musica e la trascrizione. Mozart, Rossini e i suoni infiniti potranno farci rivedere la luce? Quintetto di Fiati Il Canto delle Muse.

Seminario. Mercoledì, 30 marzo 2022, ore 18,30. Aula Magna “Domus Sapientiae” - Dipartimento ICAR “La vita è un paradiso, le chiavi le abbiamo noi” (Taccuini per i Fratelli Karamazov).

Musica. Martedì 5 aprile 2022, ore 18,30. Museo della Fotografia. La senti questa forza? Ci sono momenti nella storia in cui le cose e le persone sembrano eterne. Altri in cui sembrano “poco durevoli”. Quartetto d’archi Felix.

Seminario. Giovedì, 26 maggio 2022, ore 18,30. Aula Magna “Domus Sapientiae” - Dipartimento ICAR. La durata dell’istante. L’istante è il dileguarsi dell’effimero o la stabilità dell’eterno?

Musica. Martedì, 7 giugno 2022, ore 18,30. Piazzetta Cherubini - Campus Universitario. Jazz around the world. Un concerto, un viaggio attraverso i suoni del mondo. La terza edizione de “I concerti del Politecnico” è organizzata dal Politecnico di Bari e da ARCoPu, con i patrocini della Regione Puglia e del Ministero della Cultura e il supporto di Randstad, Openwork, Circcos in qualità di partner di progetto.

 

Comunicato stampa.

Alla presentazione interverranno, il Rettore, Francesco Cupertino e i direttori artistici, il regista, Gennaro Nunziante e il Presidente dell'Associazione dei Cori Pugliesi, ARCoPu, Pierfranco Semeraro

Bari, 19 gennaio 2022 – Dopo la forzata assenza nel 2021, per i limiti imposti dalla pandemia, tornano in presenza, “I Concerti del Politecnico”, la rassegna musico-culturale organizzata dal Poliba, in collaborazione con l'Associazione Regionale dei Cori Pugliesi, ARCoPu.

L'iniziativa, giunta alla terza edizione per l'anno accademico 2021-22, si propone all'attenzione pubblico pugliese, prioritariamente universitario-studentesco. La manifestazione proporrà da febbraio a giugno 6 appuntamenti, tra concerti e seminari, gratuiti e aperti al pubblico. L'evento, sarà presentato, venerdì, 21 gennaio 2022, ore 10,00, nella Sala videoconferenze del Rettorato del Politecnico di Bari (via Amendola, 126/b).

Alla Cerimonia di presentazione interverranno il Magnifico Rettore del Politecnico, Francesco Cupertino e i Direttori artistici de “I Concerti del Politecnico”, il regista, Gennaro Nunziante e il Presidente dell'Associazione Regionale dei Cori Pugliesi, ARCoPu, Pierfranco Semeraro.

L'accesso alla presentazione è riservato alla stampa munita di green-pass.

 

Comunicato stampa.

Ricerca. Presso il Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti

L'accordo, sottoscritto a Roma, avrà durata quinquennale. Un Comitato scientifico misto coordinerà proposte e lavori. Coinvolto il Dipartimento del Poliba, DICAR

Bari, 18 gennaio 2022 – Razionalizzare, ottimizzare, tutelare e soprattutto valorizzare l'ingente patrimonio infrastrutturale militare del Ministero della Difesa. E' ciò che si propone il piano di collaborazione scientifico nazionale che vede coinvolto il Dicastero con diverse realtà universitarie italiane. Dallo scorso 13 gennaio si sono aggiunte al network, il Politecnico di Bari e l'Università di Napoli, “Federico II”. Gli altri atenei coinvolti sono: Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università di Cagliari, Università di Palermo, Libera Università di Bolzano. 
Come è noto, il Ministero della Difesa ha in uso governativo e per i fini istituzionali numerose infrastrutture militari: caserme, depositi, aree, presidi, ecc.. Tale patrimonio rappresenta per lo Stato un ingente valore economico e sociale. In considerazione della riorganizzazione delle Forze Armate, il Ministero della Difesa considera di primaria importanza la migliore utilizzazione delle infrastrutture militari da realizzarsi tramite provvedimenti finalizzati all’accorpamento ed alla conseguente razionalizzazione delle funzioni, nonché attraverso attività di dismissione finalizzate alla valorizzazione degli immobili non più necessari agli usi militari. 
Per tali ragioni, studi in ambito ingegneristico e architettonico, possono individuare soluzioni di valorizzazione del patrimonio attraverso iniziative e progetti di rigenerazione, riqualificazione di siti militari, dismessi o ancora in uso con riflessi di sviluppo territoriale. In tale prospettiva si inquadra l'intesa tra il Politecnico di Bari e il Ministero della Difesa, rappresentato dal Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti. 
Accordo quinquennale. I due enti pubblici infatti, hanno inteso sottoscrivere un accordo quinquennale di collaborazione scientifica che mira alla promozione ed allo sviluppo di studi e metodologie, soluzioni e sistemi innovativi per la razionalizzazione e la riqualificazione del patrimonio immobiliare della Difesa presente non solo in Puglia. Esso contempla in particolare, la definizione di programmi di restauro/qualificazione/riqualificazione del patrimonio immobiliare in relazione alla valenza storico-culturale e alla conservazione dei caratteri identitari e delle testimonianze della storia militare; la riqualificazione degli ambiti militari e demaniali in aree urbane, rurali e costiere ai fini del miglioramento della qualità del l’ambiente naturale e costruito e della tutela del paesaggio; la promozione della formazione degli studenti del Poliba attraverso lo svolgimento di ricerche, progetti e tesi di laurea; visite e stage didattici; corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale per architetti e ingegneri, civili e militari; corsi di dottorato di ricerca e Master universitari; mostre, convegni, conferenze. 
Comitato Scientifico. La gestione di tutte le attività dell'accordo sarà coordinata da un Comitato Scientifico misto, formato dai rappresentanti delle due parti. 
La firma. La presentazione e la firma degli accordi distinti con gli atenei di Bari Politecnico e Napoli “Federico II” ha avuto luogo a Roma, nella sede del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti. Firmatari degli accordi sono stati: il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti, gen. C.A. Luciano Portolano, il Rettore del Politecnico di Bari, prof. Francesco Cupertino e il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, prof. Matteo Lorito. Alla cerimonia di firma erano presenti tra gli altri: la dott.ssa Luisa Riccardi, Direttore del V Reparto Innovazione Tecnologica del Segretariato Generale della Difesa ed il gen. Isp. Giancarlo Gambardella, Direttore della Direzione dei Lavori e del Demanio il prof. Carlo Moccia, Direttore del Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria e dell’Architettura del Politecnico di Bari, il col. Pasqualino Iannotti, Capo Ufficio Accordi di Programma, Convenzioni e Ricerca della Direzione dei Lavori e del Demanio.
Il Rettore. Così valuta l'intesa il Rettore del Politecnico, Francesco Cupertino: “La sottoscrizione di questo accordo segna l'ingresso del Politecnico di Bari in un network nel quale il Ministero della Difesa è riuscito a coinvolgere alcuni tra i principali atenei a livello nazionale. Ciò consentirà, a ricercatrici e i ricercatori del Politecnico di Bari, di potersi confrontare con questioni di grande rilevanza sia nell'ambito delle tecnologie sia in quello della riqualificazione delle aree militari. Inoltre, l'opportunità di collaborare su problemi concreti potrà estendersi dal territorio nazionale al contesto internazionale dove la collaborazione tra le forze armate e il sistema delle Università può costituire un utile strumento per sostenere il ruolo dell'Italia come punto di riferimento nell'area del Mediterraneo. La stabilità ed il benessere si raggiungono anche condividendo soluzioni e le migliori pratiche, ripartendo dalla valorizzazione dei migliori talenti”.

Comunicato stampa.