Form di ricerca

Comunicati stampa 2021

Comunicati Stampa

Bari, 31 maggio 2022 - Un recente studio condotto dal Centro per la salute e per l’ambiente dell’Università di Harvard (USA), dimostra che la produttività in azienda aumenta quasi del 30% se l’ufficio è green. Inoltre, secondo i ricercatori, c’è un aumento del 26% delle funzioni cognitive del lavoratore e una riduzione del 30% delle malattie. Lo studio non è rimasto un semplice esercizio accademico. Molte aziende hanno inteso attuare nuovi percorsi più green. 

In Puglia, a Modugno (Bari), “Magna Power Train S.p.A.” (900 dipendenti, erede di Getrag), oggi società del Gruppo “Magna International Inc.”, multinazionale americana leader mondiale nella produzione di trasmissioni per autoveicoli, con un apposito bando e in partnership con il Politecnico di Bari, ha puntato sulla riqualificazione di parte del proprio verde aziendale secondo i criteri di sostenibilità ambientale ma anche sociali ed economici. 

L'iniziativa, favorita dall'accordo quadro di collaborazione sottoscritto con il Politecnico di Bari il 24 novembre 2020, ha coinvolto studenti, laureandi, neo laureati, dottorandi del Poliba, anche in forma associata, nel concorso di idee per la riqualificazione della sede aziendale di Modugno (Bari).  Le proposte progettuali hanno riguardato una superficie di circa mq 3.000 (su un totale di 8.000 mq) che fronteggia l’ingresso principale dell’azienda, delimitata dal corpo officine, mensa, area parcheggio e uffici. I partecipanti (circa 90, tra studenti, laureandi, neolaureati e dottorandi), tutti del Politecnico, hanno dovuto seguire, in fase di elaborazione, le linee indicate dal bando: dalla scelta dei materiali naturali ad una piantumazione a basso consumo idrico, adeguati al contesto, alla condizione di fruibilità in ogni periodo dell’anno, così da diventare luogo polifunzionale sino alla stima dei relativi costi di costruzione. Alla data di scadenza del Bando (15 aprile) sono pervenuti, da più gruppi, 24 elaborati. Successivamente una apposita Commissione, composta da rappresentanti di Magna PT e del Politecnico, ha esaminato le 24 proposte. In fase di valutazione la commissione ha tenuto in conto la coerenza rispetto al tema del concorso, l'originalità, la capacità di integrazione del giardino con quello esistente e col contesto architettonico e ambientale circostante, la qualità architettonica e funzionale della proposta, con particolare attenzione alla sostenibilità, all’abbattimento delle barriere architettoniche, la multifunzionalità, economicità di gestione e di manutenzione degli impianti e del verde, la coerenza delle voci di costo. 

Il 27 aprile la Commissione ha pubblicato la graduatoria dei primi tre progetti vincitori e le menzioni di merito di alcuni candidati. I vincitori sono. 1° progetto selezionato: Ilaria Cavaliere, Alessandro Angione, Angelo Vito Graziano, Dario Costantino. 2° progetto selezionato: Roberto Cosma, Damiano Simone, Adriano Amoroso, Claudio Gallo. 3° progetto selezionato: Anna Salomone, Vito Samuele Sblendorio, Laura Tatulli, Elena Tesauro, Dorotea Tattoli. Ad essi andranno tre premi del valore di Euro 2.500,00 per il primo progetto selezionato; Euro 1.500,00 per il secondo progetto selezionato; Euro 1.000,00 per il terzo progetto selezionato. Menzione di merito anche per i progetti presentati dai candidati: Aurora Perta, Giovanni Carlo Volpe, Marioritsa Porro, Domenico Saracino Arianna Capurso, Vittoria Carretta,Irene Napoli, Jacopo Sperti, Daniele Tisi, Francesca Zizzari.

La presentazione dei progetti e la premiazione, curata dai vertici aziendali e dai rappresentanti del Poliba, avrà luogo nell'apposita cerimonia, domani, 1 giugno, ore 15,30, presso la sede di Magna Power Train  SpA, via dei Ciclamini, 4 – Modugno (Bari).

 

Comunicato stampa.

Bari, 27 maggio 2022 – La ricerca sviluppata nelle università assume grande rilevanza nel governo del cambiamento. E' pertanto necessario pesarla, orientarla verso priorità non rinunciabili. L’Università Italiana ha iniziato a avere una valutazione a partire dalla Riforma Gelmini (legge 240) nel 2010 e l’istituzione della Agenzia ANVUR. Molta strada deve essere ancora percorsa. I ricercatori italiani nel ranking di Stanford 2021 sono circa il 2% del totale, contro il 40% degli USA. Cina e India intanto, sono sempre più prolifiche nella ricerca grazie ad enormi investimenti. 

L'Associazione pugliese TIS-Apulia, nata  nel 2019, su modello anglossasone, si pone di costruire una rete e una strategia comune utile con lo scopo di creare un network di scienziati affermati o emergenti con caratteristiche di “eccellenza”. Su ciò, è stato organizzato il convegno, “L'Università italiana nel 21° secolo”. L'iniziativa è in programma Lunedì, 30 maggio 2022, ore 8.30, presso il Dipartimento di Informatica dell'Università di Bari (campus universitario). L'evento vede la partecipazione di Tis Apulia, Uniba, Poliba, LUM, Regione Puglia.

Il convegno intende partecipare temi di comune interesse dell'Università e della ricerca, con particolare riferimento a PNRR; valutazione della didattica; valutazione ricerca VQR; Riforme concorsi, ASN, statuti università e CDA, quote rosa; dipartimenti di eccellenza; dottorati industriali e collaborazioni con aziende pugliesi; collaborazioni scientifiche interdisciplinari.  

La giornata si svilupperà secondo il seguente programma:

Ore 8:30. Saluti autorità: Presidente Regione Puglia, Michele Emiliano. Magnifici Rettori Appulo-Lucani: proff. Stefano Bronzini, Francesco Cupertino Pierpaolo Limone, Fabio Pollice, Antonello Garzoni, Ignazio Marcello Mancini. 
Ore 9:15. Introduzione ai lavori: prof. Michele Ciavarella, PoliBA
Ore 9:45. Relazione invitata: prof. Antonio Uricchio, presidente ANVUR, “L’esperienza della valutazione a dieci anni dall’istituzione di ANVUR”
Ore 10:45. Relazione prof. Renzo Rosso, Politecnico di Milano. Presentazione libro “Morte e resurrezione dell’Università italiana”
Ore 11.30. Relazione invitata: prof. Giorgio Metta, direttore Istituto Italiano di Tecnologia: “il modello organizzativo IIT”
Ore 12.30. Relazione prof. Luca Biferale, delegato ai rapporti istituzionali ERC-Italy, Prof. Theoretical Physics, University of Rome ‘Tor Vergata’ “dati relativi alla performance degli ERC italiani”
Ore 13.30. Relazione prof. Eugenio Di Sciascio, già Rettore PoliBA, vice-sindaco di Bari “Città come ecosistema e laboratorio dell’innovazione”.
Ore 14.00. Relazione prof. Alessandro Bertolino, UniBA “Multidisciplinarietà nella ricerca in Schizofrenia”
Ore 14.30. Presentazione recenti progetti giovani ricercatori pugliesi vincitori di bandi ERC: prof. Antonio Papangelo, PoliBA “Adesione controllata da vibrazioni”.
Ore 15.00. Relazione prof. Maurizio Bifulco, Università Federico II Napoli su “Commenti sulla didattica e la valutazione della didattica”
Ore 15.30. Relazione Attilio Guarini e Sabino Ciavarella, IRCCS Ist Tum.Giov.Paolo II, Bari, “Il modello della medicina di oggi: dal medico al biologo passando per l’ingegnere e il matematico”.
Ore 16.15. Relazione prof. Mauro D’Amato, LUM, “Riflessione sull’utilita’ di criteri bibliometrici”
Ore 16.45. Relazione Silvia Pellegrini, Regione Puglia, “La politica della Regione puglia di sostegno alle Università: l’esempio di RIPARTI e di Pass laureati”
Ore 17.00. Tim Parks presenta il libro “Italian life. Una fiaba moderna di amori, tradimenti, speranze e baroni universitari”.
Ore 17.30. Relazione prof.ssa Cinzia Zuffada, NASA (USA) “We are ISSNAF”.
Ore 17.45. Relazione Gabriele Ciavarella, PoliBA, “La valorizzazione del merito degli studenti nell’Università Pubblica italiana”
Ore 18.00. Tavola Rotonda: “La ricerca italiana in una prospettiva globale”. Modera: Libero Manna.

All'iniziativa sarà possibile partecipare in presenza, prenotandosi al seguente indirizzo: donato.malerba@uniba.it o da remoto, tramite il link: https://teams.microsoft.com/l/meetup-join/19%3ammggXa2tZdToH96AbiZHBhxHlAybd6Uoh-VIKHBfKPE1%40thread.tacv2/1652687804492?context=%7b%22Tid%22%3a%22c6328dc3-afdf-40ce-846d-326eead86d49%22%2c%22Oid%22%3a%22acf3f634-7064-4bc2-a91b-2511ea807801%22%7d

Comunicato stampa.

Un primo passo questo che inaugura tre anni di lavoro e un programma ricco di iniziative per contribuire a trasformare Bari in un polo innovativo d’eccellenza sul panorama internazionale. NTT Data, presto una grande sede nel capoluogo. Nascono nuove opportunità per laureandi e laureati del Poliba. Possibili 150 assunzioni entro il primo anno. Al via il nuovo corso di laurea magistrale in “Ingegneria della Trasformazione Digitale” e un aumento dei posti per Ingegneria Informatica

 

Bari, 20 maggio 2022 – La rivoluzione digitale è qui, in Puglia, in corso, complice il Politecnico di Bari. Con un accordo triennale, rinnovabile, il Poliba e il colosso giapponese, NTT Data (gruppo NTT, Nippon Telegraph and Telephone), hanno avviato ufficialmente un percorso di collaborazione scientifica nel quale le attività di studio, analisi e ricerca condotte dal Politecnico potranno integrare le corrispondenti attività e servizi erogati dalla Società nipponica. L'accordo risponde alla volontà della multinazionale del Sol Levante di valorizzare la ricerca accademica sul territorio e ridurre il gap esistente tra mondo della scuola e mercato del lavoro. L'alleanza scientifica, Poliba-NTT Data Italia SpA, è stata presentata questa mattina, in una apposita conferenza stampa, presso la sede del rettorato, da Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico e da Luca Isetta, Chief Operating Officer di NTT DATA Italia. Presente anche il vice Sindaco di Bari, Eugenio Di Sciascio. Le forme di collaborazione – e scritto nell'accordo - avranno ad oggetto, in particolare, la trasformazione digitale delle aziende, attraverso un uso sempre più estensivo delle nuove tecnologie. Ciò permetterà il ridisegno dei processi aziendali e un percorso di aggiornamento e cambiamento delle capacità professionali del personale che opera nell'impresa mediante lo sviluppo di nuove competenze digitali.

L’iniziativa si sviluppa parallelamente all’apertura dei nuovi uffici di Bari di NTT Data Italia e si inserisce nel vasto programma di investimenti previsti dall'azienda, con  l’obiettivo di far diventare il capoluogo pugliese un polo innovativo all’interno del gruppo giapponese, favorendo al contempo la creazione di nuovi posti di lavoro (fino a 150 assunzioni nel primo anno). Gli ambiti principali della collaborazione saranno: Cloud Native Technology, Cybersecurity, Data Intelligence e Intelligence Automation, IoT, Blockchain, HyperAutomation, Opensource, Integration Platform, Customer Relationship management, Digital Supply Chain e Enterprise Resource Planning. Tale collaborazione sarà sostenuta anche attraverso l’attribuzione di tesi di laurea, borse di studio. Sono previste iniziative di sperimentazione e casi pilota, incluse commesse di ricerca, la partecipazione congiunta a programmi di ricerca nazionali e/o internazionali. 

NTT Data si renderà disponibile per attività quali: svolgimento di tirocini a favore di studenti e/o neolaureati dell’Ateneo; l'organizzazione di visite e stage didattici indirizzati agli studenti; l'organizzazione di conferenze e seminari; lo svolgimento di corsi post-lauream d’interesse della Società erogati dall’Ateneo presso la sede decentrata di NTT Data Italia S.p.A. Il finanziamento di assegni di ricerca per corsi di dottorato di ricerca erogati dall’Ateneo su temi concordati.

“Il Politecnico di Bari – ha detto il Rettore, Francesco Cupertino - investe già da anni nella digitalizzazione e nel settore IT. L’accordo con NTT DATA rappresenta dunque per noi la naturale prosecuzione operativa di questo percorso che abbiamo intenzione di rafforzare e valorizzare nei prossimi anni ulteriormente con una molteplicità di iniziative dedicate al territorio e agli studenti. Dal nuovo corso di Laurea Magistrale in Ingegneria della Trasformazione Digitale all'aumento dei posti disponibili per i corsi di Ingegneria Informatica. Il rapporto con NTT Data sicuramente favorirà studenti, laureandi e dottorandi del nostro ateneo attraverso le opportunità che un settore, in continua evoluzione, metterà a disposizione. Fabbricare relazioni e competenze scientifiche di qualità e riconosciute è fondamentale per realizzare un Politecnico sempre più attrattore per le aziende internazionali e locali e per i potenziali futuri nostri studenti”. 

Sull'altro fronte Luca Isetta, Chief Operating Officer di NTT DATA. “In NTT DATA crediamo fortemente nella forza delle sinergie tra pubblico e privato, ma soprattutto crediamo nel Sud che già in altre occasioni ci ha dimostrato quanto abbia ecosistemi sani e potenzialità che il digitale può mettere a terra. Per noi –ha continuato -  investire nel Sud significa tante cose: vuol dire assumere, creare opportunità di lavoro sul territorio e soprattutto supportare i protagonisti del tessuto socioeconomico e formativo, in primis le Università, nella loro attività di formazione. Solo investendo sul capitale umano locale è possibile valorizzare i talenti e le molteplici realtà virtuose che esistono al Sud attivando quelle spirali sinergiche tra opportunità, lavoro e crescita che consentono di rafforzare lo sviluppo del territorio e supportare la trasformazione del nostro Paese”.  

L'accordo prevede che le varie attività saranno di volta in volta definite mediante la sottoscrizione di appositi accordi attuativi. Responsabili scientifici della convenzione sono il prof. Michele Ruta per il Politecnico di Bari;  il dott. ing. Stefano Veltri per NTT Data Italia. 

Nella mattinata, in parallelo si è tenuto nel campus universitario (museo della fotografia) il “Matching skills”, primo hackathon di Will con il contributo di NTT Data, in collaborazione con Tortuga, Visionary Days, Officine Italia e Poliba sulle competenze che non si trovano nel tech. L'iniziativa ha messo a confronto circa 40 studenti, molti dei quali del Politecnico, per meglio comprendere le necessità, i gap, le possibilità tra la propria formazione e le richieste aziendali. 

La scheda

NTT DATA Italia SpA, parte della multinazionale giapponese NTT DATA, (gruppo NTT,   Nippon Telegraph and Telephone) è uno dei principali player a livello mondiale nell’ambito della consulenza e dei servizi IT. Digitale, Consulenza, Cyber Security e System Integration sono solo alcune delle principali linee di business. NTT DATA conta una presenza globale in oltre 50 paesi, 140.000 professionisti. In Europa e America Latina NTT DATA è presente con oltre 100 centri di eccellenza dedicati ai settori: Mobile, Big Data e Intelligenza Artificiale, Blockchain, Internet of Things, Cloud, Natural Process Language e Cybersecurity. L'Italia occupa una posizione importante con oltre cinquemila professionisti dediti alla consulenza, innovazione e tecnologie d'avanguardia. NTT DATA è presente in Italia a Milano, Roma, Torino, Genova, Treviso, Pisa, Napoli, Cosenza, Bari.

Comunicato stampa.

E' il tema della ricerca che ha vinto la 17 edizione del premio Europeo “Friedrich List” 2022, dedicato a giovani ricercatori Europei in Scienze dei Trasporti per la migliore tesi di dottorato.  Il sistema eHighway fornisce energia elettrica ai FiloTIR, veicoli ibridi collegati a linee elettriche aeree attraverso pantografo. In Italia il sistema sarà sperimentato sull'autostrada A35. Altri esempi consolidati in Svezia e Germania

Bari, 13 maggio 2022 – Passi avanti verso l'indipendenza dai combustibili fossili saranno consentiti dalla eHighway system. La nuova tecnologia dei trasporti, che trova similitudini in un mix, filobus-treno, è in corso di  sperimentazione consolidata in Svezia, Germania, California. In Italia è prevista la sperimentazione su un tratto dell'autostrada A35, Milano-Brescia. L'eHighway system, dedicato al sistema dei trasporti merci su gomma, alimenta i FiloTIR, veicoli pesanti ibridi, dotati di due motori: diesel ed elettrico. Lo fa attraverso una linea elettrica fissa collegata al mezzo mediante un pantografo posizionato sulla parte superiore del mezzo. Sicché, il mezzo può trovare energia per la propria autonomia dalla linea fissa, dalle batterie in dotazione, dal motore endotermico. Ciò, secondo gli esperti, consente l'abbattimento dei consumi energetici del 50% e quello delle emissioni fossili, su scala locale, fino all'80-90%. Nella sperimentazione sono impegnati colossi come Siemens Mobility, Scania, Volvo. In Italia la eHighway system sarà sperimentata su un tratto dell'autostrada A35, Milano-Brescia. 

Il Poliba. Questo tema di ricerca è sviluppato anche nel Politecnico di Bari. Una giovane ricercatrice del Poliba, Aleksandra Colovic ha dedicato al settore dei trasporti e della tecnologia eHighway la propria tesi di dottorato dal titolo,“Una tecnologia innovativa per il miglioramento dell’impatto ambientale per il trasporto merci”. Tale studio è risultato vincitore della 17 edizione del premio Europeo “Friedrich List” 2022 destinato a giovani ricercatori Europei in Scienze dei Trasporti per la migliore tesi di dottorato. 

La ricerca. Nella tesi di dottorato la ricercatrice, Aleksandra Colovic ha sviluppato un nuovo modello multi-obiettivo di progettazione della elettrificazione nell’ambito della nuova tecnologia di eHighway system proposto dalla Siemens per la ricarica/alimentazione di veicoli pesanti elettrici tramite catenaria. Lo studio indaga sulle opportunità di adottare le eHighways individuando i tronchi della rete stradale dove realizzare l’infrastruttura in funzione della domanda e tenendo conto dei benefici ambientali e considerando limitate risorse di budget. Inoltre, i modelli potrebbero essere considerati uno strumento utile per i decisori nella progettazione delle reti eHighway ma anche per l’elettrificazione di linee ferroviarie. 

Chi è la ricercatrice premiata. Aleksandra Colovic, 29 anni, nata ad Aranđelovac, proviene dalla Serbia. Ha conseguito la laurea triennale nel 2015, e la laurea magistrale nel 2016, presso di facoltà di Ingegneria del Traffico e dei Trasporti dell’Università di Belgrado. Nel 2017, ha partecipato al programma Erasmus+KA1 mobilità presso Politecnico di Bari. A seguito della positiva esperienza ha partecipato al bando per il corso di dottorato di ricerca in SSD ICAR/05, ciclo 33, presso il Politecnico di Bari, dove è risultata prima nella graduatoria dei vincitori con borsa. Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Rischio e Sviluppo Ambientale, Territoriale ed Edilizio del DICATECh nel 2021. E' attualmente assegnista di ricerca nel settore dei Trasporti presso il Politecnico di Bari (Dipartimento DICATECh), nell’ambito del progetto di ricerca Europeo H2020 Syn+Air “Synergies between transport modes and Air transportation”. Le sue attività di ricerca sono rivolte ai metodi all'ottimizzazione nell’ambito della logistica e della mobilità sostenibile. 

La nota. “Questo premio – sostiene il vice coordinatore del dottorato di ricerca in “Rischio e Sviluppo Ambientale, Territoriale ed Edilizio” del Poliba, prof, Michele Ottomanelli - è un significativo riconoscimento sia alla qualità delle attività di ricerca dei giovani ricercatori, sia del corso di dottorato. Ciò lascia ben sperare per il futuro della ricerca del Politecnico di Bari in questo sempre più strategico settore dedicato ai trasporti, all'ambiente, al territorio”.

Comunicato stampa.

Sostenibilità e resilienza dei centri urbani mediterranei per contrastare il riscaldamento globale. Da nuovi necessari standard costruttivi all’utilizzo dei big data per progettare la resilienza delle nuove case e palazzi. La conferenza prosegue il 12 maggio in occasione della seconda edizione di Smart Building Levante

 

Bari, 9 maggio 2022 -  Tra le città ubicate nelle regioni a clima caldo del Mediterraneo, Bari vuole diventare un esempio nel garantire una transizione ecologica non traumatica ai cambiamenti climatici. L'ambiente è un tema particolarmente caro al Politecnico di Bari: ricerche su nuovi materiali e tecniche edilizie, utilizzo di tecnologie dedicate al settore delle costruzioni, supporto alle aziende di settore hanno contraddistinto l'ateneo in un recente percorso. E sul tema, “Sostenibilità e resilienza dei centri urbani del Mediterraneo” si svilupperà la conferenza, “Bari Smart City Conference”, in programma al Politecnico di Bari, mercoledì, 11 maggio, ore 10,00, atrio “Cherubini” (campus universitario). L'evento proseguirà il giorno successivo, 12 maggio, in occasione dell'inaugurazione della seconda edizione della fiera internazionale “Smart Building Levante” (12-14 maggio, Fiera del Levante) con un workshop interamente dedicato al grande tema dell’uso delle tecniche costruttive e delle tecnologie per contrastare il global warming nelle regioni Mediterranee.

“L'iniziativa – dice il prorettore del Poliba, prof.  Fabio Fatiguso – è stata sostenuta dal Politecnico perché attiene a temi di assoluta significatività ed impatto nel campo sociale, economico-produttivo, della ricerca e trasferimento tecnologico. In tal senso il nostro Ateneo offre il suo contributo in termini di expertise e risultati della ricerca per la crescita del territorio mediterraneo di riferimento”.

La manifestazione si articolerà su tre sessioni di lavoro improntate ad una riflessione sulle metodologie e le tecnologie che possono caratterizzare le città ubicate in regioni a clima caldo, al fine di garantire una transizione ecologica non traumatica e una adeguata capacità di resilienza ai cambiamenti climatici in atto. Temi previsti: Smart sustainable city; Dalla smart city alla smart citizenship; La pianificazione strategica locale con riferimento al Sud d’Italia; Le imprese e la sfida delle città smart; Mobilità vs city; Verso l’autonomia energetica; Edifici, città, cambiamenti climatici; Progettare e realizzare la sostenibilità. Per tale occasione il Politecnico di Bari ha lanciato una “call to action” ai propri studenti per selezionare le migliori idee innovative in questo campo, che verranno presentate durante “Smart Building Levante” in un’apposita area.

Il programma della conferenza prevede i saluti di Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico di Bari, Domenico Di Canosa, presidente di Smart Buildings Alliance, Vitantonio Amoruso, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Bari, Cosimo Damiano Mastronardi, presidente dell’Ordine degli Architetti di Bari, e Maria Franca Spagnoletti, presidente dell’Ordine dei Periti Industriali di Bari a cui seguirà la presentazione di Eugenio Di Sciascio, vice sindaco di Bari e il “keynote speech” del prof. Mattheos Santamouris, docente presso l’University of New South Wales in Australia. Le sessioni vedranno la partecipazione di una trentina di esperti italiani ed esteri.

L'iniziativa è organizzata da Smart Building Italia in collaborazione con il Politecnico di Bari, Smart Building Alliance e Associazione Energy Managers.

Sono previsti crediti formativi degli Ordini degli Architetti, Ingegneri e Periti della provincia di Bari.

Comunicato stampa.

L'accordo sottoscritto questa mattina presso il Palazzo di Città coinvolge nel gruppo di lavoro del progetto di Renzo Piano quattro giovani architetti laureati al Poliba. L'atto, avvia la ricerca dal titolo “GreenVille. Visioni e progetti per la riforma dei quartieri di edilizia residenziale pubblica della città di Bari”

Bari, 6 maggio 2022 – Ci sono città e città. E, all'interno della città, frequentemente, due città: quella delle vetrine, delle luci, dei centri storici in ordine, protette, e quella della periferia, spesso informe, degradata, ai margini della vita sociale, bisognosa di  una identità, una via di comunicazione con la città madre. C'è un progetto, nazionale, nato nel 2013, denominato, “G124” voluto e dedicato alle periferie dal senatore a vita e architetto, Renzo Piano. Il progetto investe sulle periferie perché rappresentano – secondo l'Architetto-senatore - le città del futuro o, se si preferisce, il futuro delle città. E' un progetto, fatto da giovani under 35, che intende proporre una nuova visione della città nuova, più integrata, più votata a costruire relazioni, identità, relazioni, attraverso un'opera di rammendo urbanistico, quasi artigianale, tra la città “migliore” e quella che viene troppo spesso nascosta sotto il tappeto. G124 identifica il codice della stanza di Palazzo Giustiniani, assegnata al senatore-architetto e Piano ha voluto titolare e finanziare tale progetto, con proprie risorse, mediante borse di studio destinate a giovani architetti. Per il 2022, G124 ha previsto tre interventi su aree periferiche di città italiane. Mediante il coordinamento di rispettive tre università e la partecipazione diretta di giovani architetti, queste sono: Politecnico di Bari-Comune di Bari per il Quartiere San Paolo; Università di Napoli “Federico II” per il quartiere Sanità; Università di Padova per rione Commenda Est di Rovigo. 

In questo dialogo di collaborazione con l'architetto-senatore si sono inseriti il Politecnico di Bari con il Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura (DICAR) e il Comune di Bari. L'intesa consentirà il coinvolgimento di quattro giovani architetti laureati e selezionati dal Poliba.
A tal riguardo, questa mattina, 6 maggio, nel Palazzo di Città, il Sindaco della Città, Antonio De Caro e il Rettore del Politecnico, Francesco Cupertino, hanno sottoscritto l'atto formale di collaborazione che consentirà di avviare per l'iniziativa di Renzo Piano la ricerca, “GreenVille. Visioni e progetti per la riforma dei quartieri di edilizia residenziale pubblica della città di Bari”. 

 

Presenti inoltre, il presidente del Municipio III Nicola Schingaro, l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, il prof. Carlo Moccia, Direttore DICAR e uno dei due responsabili del progetto per parte Politecnico. Il percorso è dedicato allo studio di fattibilità di un progetto per il recupero di un'area del quartiere San Paolo di Bari. Si tratta di uno spazio di forma triangolare di circa 5 mila metri quadri ubicato tra via Saverio Altamura e via Cozzoni.  L'iniziativa scientifica, sarà coordinata dai docenti del Dipartimento DICAR del Poliba, Carlo Moccia e Franco Defilippis con la fattiva partecipazione dei quattro giovani architetti, titolari della borsa di studio: Tiziano Devenuto; Ezio Melchiorre; Rosa Piepoli; Giuseppe Tupputi, tutti residenti a Bari. A questi si aggiungeranno i rappresentanti designati dal Comune di Bari.

L'iniziativa progettuale mira, attraverso il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei cittadini residenti, (è previsto un incontro sul luogo il 14 maggio) a creare una identità ad un luogo sinora anonimo. Il progetto finale, elaborato dai giovani architetti, sarà finanziato dal Comune di Bari e consentirà di trasformare quello spazio in una piazza. 

“La collaborazione scientifica in questo progetto con il Politecnico e l'architetto, Renzo Piano fortifica l'opera di costruzione di identità di aree periferiche della città - ha sottolineato il Sindaco, Antonio Decaro. “Esso si integra con il più ampio piano dedicato alle periferie in atto. Il nostro compito sarà quello di accompagnare i giovani architetti in questo percorso di studio e progettazione fino alla sua conclusione”.

Francesco Cupertino, Rettore Poliba, nel ribadire l'antica collaborazione con il Comune di Bari, primo interlocutore del Politecnico, ha sottolineato le capacità scientifiche del Poliba riconosciute dallo stesso Renzo Piano. “Grazie ai nostri giovani laureati – ha detto – vogliamo lasciare un segno in questa opera urbanistica che si andrà a realizzare. “L'occasione – ha proseguito - è anche momento per mostrare, non solo la qualità di preparazione fornita ai giovani architetti formatesi nel nostro ateneo ma, più in generale, le capacità tutta della Scuola di Architettura del Politecnico a servizio del territorio. Il Dipartimento di Scienza dell'Ingegneria Civile e dell'Architettura del Politecnico ha molto approfondito, negli ultimi anni, le questioni della rigenerazione urbana e dello sviluppo complessivo del territorio. La nostra ricerca scientifica viene oggi messa al servizio della città, in un ambito che coinvolge aspetti urbanistici e sociali, con lo stesso impegno che mettiamo per il trasferimento di nuove tecnologie a sostegno delle imprese.

“Credo che si tratti di un’occasione importante, che ci permetterà di approfondire il rapporto tra la ricerca accademica che si svolge nel Politecnico e il territorio che l’accoglie - ha sottolineato Carlo Moccia, Direttore del DICAR. Abbiamo già avuto una collaborazione molto significativa con il Comune di Bari in occasione del BiArch, il primo festival dell’architettura della città, che ha ci ha visti eccellere nella proposta presentata al Ministero.  Sono convinto che questa esperienza, che siamo lieti di condividere con l’amministrazione comunale, sarà utile tanto al Politecnico quanto al Comune”. 

 

L’accordo di collaborazione sottoscritto dal Poliba e dal Comune di Bari, avrà la durata di 18 mesi.

Comunicato stampa.

Percorso narrativo-musicale di Valeriya Issayeva, musicista e pianista, attorno a tre grandi compositori russi: Musorgsky, Shostakovich, Stravinsky.
L'evento è in programma presso il Dipartimento ICAR del Poliba. Ingresso gratuito sino ad esaurimento posti, previa prenotazione.

 

Bari, 5 maggio 2022 - Valeriya Issayeva, musicista e pianista, nata in Kazakistan, formatasi al Conservatorio “Ciajkovskij” di Mosca (attualmente risiede in Lombardia) sarà ospite e relatrice del quarto appuntamento de “I Concerti del Politecnico”, in programma martedì, 10 maggio, ore 18,30, presso l'Aula Magna "Domus Sapientiae" del Dipartimento ICAR del Poliba (campus universitario).

Il titolo dell'incontro, “Dal male verso la consapevolezza del bene” consentirà alla musicista di esporre un percorso narrativo-musicale attorno a tre grandi compositori russi: da Dmitrij Dmitrievich Shostakovich a Modest Petrovich Musorgskij e Igor' Fëdorovich Stravinskij.

Il percorso comincia da “Una notte sul Monte Calvo” (1867, Musorgskij), un poema sinfonico, ispirato da opere letterarie russe, che racconta un ritrovo di streghe durante la notte di San Giovanni sul Monte Calvo, in Ucraina. La musica esprime in modo potentissimo il “Male”, m a l’uomo non si piega al Male, nel cuore dell’uomo c’è sempre un seme del bene.

Ci si trasferisce a Shostakovich, “Andante”, dal concerto per pianoforte e orchestra op.102 (1957).  Shostakovich scrive il concerto per l’esame del diploma di suo figlio che lo esegue per la prima volta. Diversamente dalle altre composizioni del compositore questo “Andante” respira un’aria piena di “speranza”. Dopo la morte di Stalin avvenuta pochi anni prima, il compositore, oppresso dal regime negli anni precedenti, finalmente dichiara liberamente il suo desiderio di “Bene”.

Infine, si passa a Stravinsky con “Alleluja. Laudate Dominum” (Salmo 150) dalla Sinfonia del Salmi (1930). Il compositore, intimamente religioso, costretto all’immigrazione, non abbandona mai la propria identità slava. In quest’opera gli elementi della sonorità russa tra il coro e l’orchestra sono ben marcate. La prima invocazione “Laudate Dominum” è lenta. La voce dell’uomo proclama “Laudate dominum” ma il cuore, nelle parti movimentati e contrastanti tra di loro, non si è convertito del tutto. Sta ancora facendo il proprio percorso. Il brano termina con ultimo “Alleluia. Laudate Dominum” che si risolve in un luminoso accordo di Do Maggiore. Stravinsky non urla a voce alta la propria vittoria sul male ma si abbandona nell’abbraccio del Mistero con il cuore commosso.

Per partecipare all'evento, Prenota qui il biglietto gratuito. C'è tempo sino alle ore 12,00 di martedì, 10 maggio 2022, previa disponibilità dei posti disponibili.

L'iniziativa sostituisce la conferenza su Dostoevskij annullata il 30 marzo scorso per indisponibilità logistiche.

“I Concerti del Politecnico”, terza edizione, è una iniziativa del Politecnico di Bari in collaborazione con l'Associazione Regionale dei Cori Pugliesi (ARCOPU).

 

La scheda di Valeriya Issayeva

Nasce nel 1987 a Karaganda (Kazakistan). Nel 2005 ottiene il diploma con il massimo di voti presso il Collegio Musicale “Tattimbet” di Karaganda. Durante gli studi ha modo di partecipare a numerosi Concorsi Nazionali e Masterclass con docenti provenienti dal Conservatorio “Ciajkovskij” di Mosca. Nel 2005 vince la borsa di studio dall’Ambasciata Italiana in Kazakistan ed inizia un esperienza di studio in Italia. Negli anni arricchisce la sua preparazione musicale partecipando a diverse Masterclass. Matura una grande esperienza tenendo diversi concerti da solista in alcune delle maggiori città italiane. Nel 2013 consegue con il massimo dei voti il Diploma Accademico di II livello in Musica da Camera presso il Conservatorio di Milano. Nel 2015 fonda, assieme ai Maestri Alberga e Ardigò, la Associazione Music4Education, per la diffusione dell’educazione in ambito musicale. Dal 2018 segue le Masterclass di Direzione d’Orchestra presso l’Accademia di Alto Perfezionamento “I Musici di Parma”. Nel 2021 vince il Primo Premio al Concorso Internazionale di Musica Scolastica “Gef 2021” di Sanremo con il gruppo corale della scuola “San Carlo” di Inverigo.

 

Comunicato stampa.

Bari, 13 aprile 2022 – L'ing. Luigi De Filippis, professore associato di "Tecnologie e Sistemi di Lavorazione" presso il Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management (DMMM) del Poliba è il nuovo Presidente del Consiglio Provinciale degli Ingegneri di Taranto.

Eletto con voto unanime, il prof. De Filippis, 49 anni di Grottaglie, già consigliere delegato alla Commissione Industria e alla Commissione Formazione dell'Ordine degli Ingegneri di Taranto è succeduto all'ing. Giovanni Patronelli. Eletti con voto unanime alla vicepresidenza anche gli ingegneri Angelo Micolucci e Claudio Murgia.

Il neo Presidente si è formato presso il Politecnico di Bari dove ha proseguito nella carriera accademica. Laurea in Ingegneria Meccanica, Dottorato in Ingegneria dei Sistemi Avanzati di Produzione e assegnista di ricerca c/o il Politecnico di Bari, dal 2020 è professore associato del Poliba per le sedi di Bari e Taranto dove svolge attività di didattica e ricerca nell’ambito dei corsi di laurea triennale, magistrale e dottorato di Ricerca in Discipline del settore industriale.

Relatore in circa 200 tesi di laurea in ingegneria meccanica, ingegneria gestionale, ingegneria industriale, ha sviluppato attività di ricerca, esclusivamente di tipo sperimentale in laboratorio o sul campo nel Politecnico di Bari, principalmente rivolta all'Additive Manufacturing, alle lavorazioni per deformazione plastica con tecniche non convenzionali, ai trattamenti termici, alle saldature tradizionali ed innovative, anche di materiali nuovi, alla produzione di schiume metalliche. Il risultato delle ricerche è contenuto in oltre 100 lavori scientifici pubblicati in sede nazionale ed internazionale.

 

Comunicato stampa.

Bari, 16 aprile 2022 – L'unione fa la forza. Il detto vale soprattutto per la ricerca scientifica impegnata sulla transizione energetica che prevede al 2050 una quasi completa elettrificazione dei consumi energetici che passerebbero dall’attuale 22 % in ambito UE al 70-80 %.

Su questo principio si basa il grande laboratorio nazionale, in rete, “ENET-RTLab”, specializzato in studi e ricerche finalizzati allo studio delle infrastrutture elettriche e alle tecnologie per la transizione energetica. 

  • “ENET-RTLab”, trova la sua forza nella sommatoria delle singole capacità dei laboratori di settore presenti presso le sedi universitarie di: Politecnico di Bari, Università di Genova, Università di Napoli “Federico II”, Politecnico di Torino e del centro ricerche,  Joint Research Center della Commissione Europea (sede a Ispra) aderenti al Consorzio ENSiEL (controllato dai ministeri MIUR e Sviluppo economico), punto di riferimento nazionale negli studi di energetica elettrica. 

  • “ENET-RTLab” è stato presentato e testato l'11 aprile scorso. Il Poliba, ha partecipato con il suo laboratorio, “LabZERO”, attrezzato per poter svolgere apposite simulazioni di tipo Power Hardware-in-the-Loop.
    Nel corso della diretta on line è stata eseguita la prima co-simulazione real-time in ambito nazionale su un modello di rete elettrica. Essa ha consentito la possibilità di condividere oltre a risorse di calcolo, anche strumentazione, sistemi di monitoraggio e controllo in tempo reale, di intere test-facility come ad esempio smart-grids o parti di un sistema elettrico. La creazione di questo grande laboratorio diffuso permetterà di estendere la capacità di sperimentazione del sistema universitario ed industriale nazionale nel settore elettrico e dell’energia. ENET-RTLab si propone infatti, di favorire una collaborazione tra università e centri di ricerca per facilitare, nel processo di transizione energetica, il decision making istituzionale e industriale, la ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e la loro verifica e certificazione per il trasferimento tecnologico. 

Nel corso dell'evento, Francesco Cupertino, Rettore del Poliba ha sostenuto l’importanza di questa iniziativa nel percorso di elettrificazione dei servizi nella transizione energetica, sottolineando le sinergie con i prossimi investimenti del PNRR mentre per il prof. Massimo La Scala, Scientific Board di ENET-RTLab e referente di LabZERO Poliba, “questa tipologia di laboratorio permetterà di superare l’approccio multi-disciplinare e favorirà lo sviluppo di vere competenze inter-settoriali sempre più necessarie nel mondo dell’energia. Questo tipo di esperienza potrà sicuramente risultare utile sia ai nostri ricercatori ma anche ai nostri studenti”. 

All'evento sono inoltre intervenuti: il prof. Filippo De Rossi dell’Università di Napoli “Federico II” e Segreteria Tecnica MUR, il dr. Szymanski, Direttore del JRC-C Energy, Climate & Transport, il prof. Domenico Villacci, Direttore di EnSiEL, e i proff. Ettore Bompard (Politecnico di Torino); dr. Marcelo Masera, JRC-C3 Energy Security, Distribution & Markets, prof. Antonello Monti, RWTH Aachen, e il prof. Francesco Profumo Politecnico di Torino e Ex-Ministro MIUR.

 

Comunicato stampa.

Quattro mostre tematiche, tre work-shop e le “lecture” di noti architetti e designers

Bari, 21 aprile 2022 – “Meet Externa” sarà lo spazio culturale dedicato all'architettura e design della XV edizione di EXTERNA 2022, la manifestazione votata al mondo dell’outdoor, in programma a Bari dal 21 al 25 aprile presso la Fiera del Levante.

L'iniziativa vede il coinvolgimento del Politecnico, con il Dipartimento di Ingegneria Civile e dell'Architettura (DICAR) assieme agli Ordini professionali degli Architetti, degli Ingegneri, degli Agronomi e dei Geometri, locali e nazionali e la partecipazione di professionisti di fama nazionale ed internazionale.

Meet Externa rappresenterà un momento di approfondimento e di scambio culturale attraverso lectio magistralis, workshop, mostre ed esposizioni di progetti e prototipi, che racconteranno la loro “fede” per il mondo dell’Architettura e del Design. Ospiti e temi, troveranno spazio infatti, nell'imponente allestimento circolare (l'anello, la fede) ideato dal prof. Giuseppe Fallacara del Poliba con la partecipazione dall'arch. Flavio De Carlo. Esso, simbolicamente, rappresenterà una sorta di corona di alloro per celebrare la cultura dell’architettura e del design. Costruito in materiali riciclabili al 100%, (cartone autoportante in moduli), ospiterà quattro mostre tematiche, tre work-shop e le conferenze programmate, mentre all’esterno dell'anello saranno collocati prototipi di elementi di architettura e design, frutto di sperimentazioni tra docenti del Politecnico di Bari e aziende artigianali locali.

Le mostre tematiche, oggetto di specifici workshops, curati da docenti e dottorandi del Politecnico di Bari, sono: 

  • “Disegni d'invenzione di Alessandro Melis”, dedicata al libro, "Alessandro Melis. Utopic Real World, Invention Drawings" di Giuseppe Fallacara e Marco Stigliano. Nel lavoro grafico di Alessandro Melis esiste un complesso legame tra l'atto di figurare la realtà e la percezione visuale che l'osservatore ha di questa. Ciò apre la mente a riflessioni scientifiche e filosofiche sulla percezione dello spazio architettonico e sulla sua rappresentazione grafica. 
  • “Stereotomic fiber architecture” invece, è dedicata alle attività di ricerca relative alla fusione di due tecniche costruttive: l’arte della stereotomia con la tessitura strutturale delle fibre di vetro e carbonio in bagno di resina. L’idea è quella di costruire strutture archi-voltate per mezzo di conci leggerissimi e resistentissimi in fibra. La geometria dei blocchi litici si smaterializza per traguardare una nuova frontiera morfologico/strutturale a servizio dell’architettura. La ricerca è stata condotta all’interno di specifici workshop presso il Poliba FabLab. Ciò ha consentito di progettare e costruire architetture di grandi dimensioni, e oggetti di design attraverso componenti leggerissime ma al contempo di grande resistenza e ricercata qualità estetica. 
  • Architectural extended reality” è dedicata approfondimento del tema sull'applicazione delle nuove tecnologie di progettazione e visualizzazione immersiva dei luoghi. Saranno proposti una serie di lavori svolti dagli studenti del corso di Progettazione IV di architettura presso il Politecnico di Bari nell'anno accademico 2021-2022, dedicati alla "cava architettonica" e, nell'esercizio accademico, alla valorizzazione e  rifunzionalizzazione delle cave di Apricena. 
  • “Architectural large 3D printing” è dedicata infine, alla stampa 3D di grandi dimensioni per l’architettura. Le tecnologie di manifattura additiva si stanno progressivamente affermando in ambito architettonico ed edilizio per via delle loro varie potenzialità: la riduzione degli scarti di fabbricazione, la precisione che si può raggiungere, i tempi di realizzazione molto più brevi di quelli garantiti dai metodi costruttivi tradizionali, la minore necessità di manodopera e una maggiore sicurezza sul lavoro. Attualmente presso il dipartimento DICAR del Politecnico di Bari le ricerche riguardanti il large 3D printing si focalizzano su due temi principali: la costruzione monolitica di ambienti voltati con l’utilizzo della terra cruda e la costruzione di spazi voltati composti da elementi discreti. Il primo filone di ricerca mira a valorizzare l’uso dei materiali naturali attraverso l’impiego delle nuove tecnologie. Il secondo, cerca di  individuare una nuova declinazione della stereotomia (l’arte del taglio dei solidi). 

Alle mostre si aggiungeranno le “lecture” di architetti e designers di chiara fama quali: Stefano Boeri, Irina Chun, Mario Cucinella, Raffaello Galiotto, Alessandro Melis, Fabio Novembre, Fabio Tellia. Direzione artistica e il coordinamento scientifico: Giuseppe Fallacara e Flavio De Carlo.

Il primo appuntamento, è fissato per giovedì, 21 aprile, ore 10,30, con il work-shop, “Stereotomic fiber architecture” all'interno del quartiere fieristico.

L'intero programma delle iniziative è consultabile al seguente link: https://bari.externaexpo.it/wp-content/uploads/2022/04/brochure-FEDE-PER-L-ARCHITETTURA.pdf
Sono previsti crediti formativi dall'Ordine degli Architetti.

 

Comunicato stampa.

Da oggi, 6 aprile, ogni mercoledì, in tre minuti, i 12 laboratori sui canali social del Poliba. Si comincia con il FABLAB, fabbricazione digitale per il design, l'architettura e l'ingegneria

 

Bari, 6 aprile 2022 – L'istituzione del Politecnico di Bari risale al 1990 ma il suo primo vagito appartiene all'anno accademico1991-92. Per ricordare e festeggiare i suoi primi trent'anni, il Poliba ha inteso mettere in atto diverse iniziative e opportunità. Tra queste, figura la produzione di dodici audio-video che raccontano, in pillole, caratteristiche e finalità degli altrettanti laboratori del Politecnico. La produzione ha inteso raccogliere è uniformare secondo uno standard unico i centri di ricerca dell'ateneo.

Ogni mercoledì, a partire da oggi, 6 aprile, saranno presentati, sui canali specifici social del Poliba, in tre minuti, i luoghi del Poliba dove si fa la ricerca. Canale YouTube del Poliba: https://bit.ly/YT_Happy30thPoliba; canale Poliba Ricerca: https://bit.ly/YT_Poliba_Ricerca oltre che condivisi sui social network di Ateneo.

Si comincia con il Laboratorio FABLAB (6 aprile).

Sede a Bitonto, è un laboratorio dedicato alla formazione e alla ricerca nell'ambito della fabbricazione digitale applicata a design, architettura e ingegneria. Obiettivo del FABLAB è accompagnare la transizione digitale mediante una formazione continua per studenti, enti e aziende. Il FABLAB rappresenta un'occasione per coloro che si prefiggono di ampliare il proprio know how digitale. 

INNOVATION FOR MILLS (13 aprile)

Innovation for Mills è un laboratorio pubblico-privato frutto della partnership tra PoliBa, Gruppo Casillo e Idea 75. Il suo obiettivo è il “mulino del futuro” caratterizzato da elevato efficientamento energetico, automazione avanzata e lavorazioni a qualità sempre più alta. Innovation for Mills unisce innovazione ingegneristica e tradizione del settore agroalimentare tipica del nostro territorio.

ENERGY FACTORY BARI (EFB) (20 aprile)

Energy Factory Bari è il primo laboratorio pubblico-privato attivato dal Poliba con l’azienda Avio Aero, per l'attuazione di attività di ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione nei settori dell’aerospazio e dell’energia. Le attività più recenti sono focalizzate sullo sviluppo del sistema di controllo di un motore aeronautico turbo-elica di nuova generazione denominato Catalyst e su progetti di ricerca internazionali nell'ambito del “More Electric Aircraft” e della propulsione elettrica per la "urban air mobility".

POLIBA CORSE (27 aprile)

E' il Team Formula Student di PoliBa. È composto da oltre 30 studenti provenienti da tutti i corsi di Laurea che lavorano in sinergia per progettare e realizzare una monoposto da competizione, destinata ai campionati di Formula Student.

Nei prossimi anni il Team dovrà affrontare la transizione alla propulsione elettrica e i suoi membri potranno confrontarsi con i temi della smart mobility di importanza fondamentale nel mondo dell'automobile di oggi.

LABORATORIO DI SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA (4 maggio)

Il laboratorio fa parte del più grande laboratorio PRINCE, Processi Innovativi per la Conversione Energetica. Studia la stabilità del sistema elettrico e come fornire al minor costo possibile l'energia all'utente finale, con il minimo impatto ambientale. Il laboratorio è allineato ai temi dell'integrazione delle fonti rinnovabili e della gestione ottimale dell'energia elettrica nelle Smart Microgrid.

CYBER PHISICAL SYSTEMS (11 maggio)

E' un laboratorio pubblico-privato frutto della partnership tra PoliBa e AROL, azienda leader nell’automazione per il 'food and beverage'. Nel laboratorio si ricercano nuove tecnologie nel campo dei materiali, delle macchine elettriche, del controllo preciso del movimento, della diagnostica e della manutenzione predittiva per realizzare sistemi di chiusura sempre più all’avanguardia. Le tecnologie sviluppate nel CPS rappresentano un'inedita opportunità formativa e una chiave d'acceso sicura per il mondo del lavoro.

LABORATORIO DI GEOTECNICA (18 maggio)

Il laboratorio si occupa della sperimentazione sul comportamento meccanico e idraulico dei terreni e delle rocce. Le attività sperimentali mirano alla misura dei parametri per una progettazione in sicurezza delle grandi opere civili e per una mitigazione sostenibile del rischio ambientale. Le ricerche condotte beneficiano di apparecchiature e sensoristica altamente avanzate e incidono sulla transizione verso una migliore vivibilità del nostro territorio.

POLYSENSE (25 maggio)

E' un laboratorio pubblico/privato, nato dalla collaborazione tra PoliBa e Thorlabs, azienda leader nella realizzazione di componenti optomeccanici. Le sue attività di ricerca vertono sulla spettroscopia fotoacustica a diapason di quarzo. Polysense è un laboratorio con studi e prospettive di sicuro successo e di respiro internazionale.

GAVE (1 giugno)

Il laboratorio è dotato di due gallerie del vento. La prima è dedicata allo studio delle prestazioni delle turbine WELLS impiegate nei sistemi per lo sfruttamento dell'energia del moto ondoso. La seconda è utilizzata per caratterizzare i profili alari con tecniche laser. GaVe rappresenta un'importante occasione per gli studenti del PoliBa per approfondire le competenze nell’ambito delle energie rinnovabili.

LACO (8 giugno)

All’interno del LaCo, Laboratorio di Combustione, si effettuano studi di combustione sia convenzionale sia di tipo MILD. Il suo obiettivo è quello di sviluppare bruciatori MILD alimentati a idrogeno, evitando non solo le emissioni di CO2, principale gas serra, ma anche quelle di Nox, elevate nel caso della combustione dell’idrogeno.

Nel LaCo le attività di ricerca vengono svolte in collaborazione con importanti aziende del settore.

LIC – LABORATORIO DI INGEGNERIA COSTIERA (15 giugno)

Il Laboratorio, unico in Italia, occupa una superficie coperta di circa 12500 mq e possiede due vasche della larghezza di 50 m; la prima vasca, profonda 1,2 m e lunga 90 m, è utilizzata per la realizzazione di modelli di dinamica costiera, la seconda profonda 3,0 m e lunga 30 m è utilizzata per la realizzazione di modelli off-shore. Il moto ondoso è generato da un battionde modulare capace di generare un fronte d'onda di circa 30 m. Completano il Laboratorio una palazzina uffici, un centro di calcolo e officine di supporto. Il Laboratorio è dotato di strumentazioni all'avanguardia per il rilievo e l'acquisizione delle principali grandezze fisiche della modellistica costiera.

LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI “M. Salvati” (22 giugno)

Istituito nel 1961, è uno dei più grandi e attrezzati del Sud Italia per prove su materiali e strutture edili., Oltre a tutte le attività di supporto alla didattica e alla ricerca sperimentale, le attività istituzionali includono anche prove e monitoraggi per conto terzi. Tale attività consiste nel controllo dei materiali e degli adempimenti che la normativa prescrive per la corretta esecuzione delle costruzioni, e nel controllo e taratura di macchine di prova per laboratori privati autorizzati dal Ministero dei Lavori Pubblici.

 

Comunicato stampa.

Bari, 1 aprile 2022 – Riprendono al Politecnico gli appuntamenti della rassegna “I concerti del Politecnico”. Di scena, martedì, 5 aprile, ore 18,30, Museo della Fotografia (Campus universitario), il concerto del Quartetto d'Archi Felix.

I componenti del gruppo: Marzia, Mazzoccoli;  Violino; Domenico Strada, - Violino;
Amanda Palombella, Viola; Massimo Mannacio, Violoncello proveranno a coniugare la musica, sempre viva ed emotiva, al presente. La pandemia può aver messo in discussione tutti i tipi di relazione, destabilizzandoci, ma probabilmente lasciando emergere bisogni profondi e visioni più ampie, che avevamo dimenticato o mai considerato: il rapporto con lo spazio-tempo, tra il sé e l'altro, tra il sé interiore e il mondo delle percezioni, tra sé e il mondo spirituale, tra finito e infinito. Attraverso le loro opere i compositori del passato, come Bach, Haydn, Mozart, Beethoven e Schubert possono aiutarci in questo percorso di riscoperta di relazioni. C'è una sfida più ampia, al di là della sicurezza illusoria, un contagio di pensiero di cui spesso i social sono l'antidoto e la musica uno dei sintomi: la senti questa forza?

Per accedere al concerto, nel Museo delle Fotografia, è necessario prenotare il bigliestto gratuito mediante il link che qui si segnala: Prenota qui
La prenotazione è possibile fino ad esaurimento posti sino alle ore 12,00 di martedì prossimo, 5 aprile.

Il Quartetto d’Archi Felix nasce nel 1992, ed è anima e motore di un laboratorio musicale, che opera nel mondo della cultura attraverso l’attività concertistica e didattica. Il gruppo si perfeziona alla Scuola di Musica di Fiesole e all’Accademia Chigiana di Siena. Il Quartetto ha in repertorio opere, anche inedite, sia di autori italiani sia di autori stranieri per quartetto e quintetto con pianoforte, clarinetto, chitarra. Il gruppo esercita un ruolo di primo piano nella diffusione della cultura musicale italiana all’estero, sin dalla prima tournée in Turchia realizzata in occasione del 50° anniversario della Repubblica italiana, in collaborazione con gli Istituti di Cultura. Ha suonato anche in America Latina per una serie di concerti a Buenos Aires, Rio de Janeiro Mendoza e Quito. 

 

Comunicato stampa.

Bari, 31 marzo 2022 – Sono dieci (alcuni accompagnati da loro familiari) i docenti universitari ucraini che hanno raggiunto dopo un lungo e articolato viaggio il Politecnico di Bari.

Provengono da università e centri di ricerca di città tristemente e quotidianamente ricordate dalla cronaca di guerra: Kiev (quattro); Lusk (due); Zaporizhzhia; Kharkiv; Sumy; Poltava. I docenti e ricercatori, hanno aderito al bando specifico per l'Ucraina del Poliba dello scorso 8 marzo che contemplava l'assunzione a tempo determinato, per tre mesi, di dieci Visiting Professor presso i dipartimenti del Politecnico pugliese. La loro formazione tecnico-scientifica di alto profilo consentirà di affiancare docenti e ricercatori del Poliba con attività seminariali e specifici contributi scientifici e di sentirsi soprattutto, per quanto possibile, meno lontani dal loro Paese. Intanto è già scattata la solidarietà della comunità del Poliba verso i nuovi colleghi. I docenti, dopo le dovute pratiche d'arrivo, anche di ordine sanitario e la relativa sistemazione in varie strutture ricettive della città, prenderanno servizio presso i Dipartimenti del Politecnico a cui faranno capo a rispettivi docenti referenti.

Questi sono: Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'Informazione; Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management; Dipartimento di Scienze dell'Ingegneria Civile e dell'Architettura; Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio Edile e Chimica.

Ai docenti ucraini sarà riconosciuto, come da bando, un compenso, per tutto il periodo di contratto trimestrale, pari a 2 mila euro mensili, inclusivo di rimborsi spese di viaggio, alloggio, vitto.

Nell'ottica di concreta solidarietà e di interesse nel favorire relazioni scientifiche internazionali, il Poliba non esclude altre forme di sostegno economico, anche per un prolungamento contrattuale, ma soprattutto favorirà l'essenza del bando: la solidarietà nell'accademia, tra università.

 

Comunicato stampa.

Il titolo della ricerca, “Tecnologie combinate per la chiusura del ciclo dei RAEE”, approvata e cofinanziata dal Ministero alla Transizione, sarà guidata dal Politecnico di Bari in partnership con la municipalizzata, Kyma Ambiente SpA di Taranto. Costo totale: 341.000 euro. Durata: 2 anni

Bari, 22 marzo 2022 – Con la sigla, RAEE si indicano i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. La produzione mondiale di RAEE nel 2021 è stata di oltre 58 milioni di tonnellate (fonte, Global E-Waste Monitor). L'Italia ha partecipato con una produzione di meno di mezzo milione di tonnellate (fonte, Rapporto annuale 2021, Centro italiano di Coordinamento RAEE). Purtroppo, su scala globale, le stime di crescita annuale di tale rifiuto sono di tipo esponenziale. I RAEE contengono sia sostanze inquinanti (che possono avere un impatto negativo sull'ambiente) sia materie prime (che possono essere riutilizzate). E' perciò necessario sottoporre i RAEE ad apposite operazioni di trattamento per rimuovere e smaltire in modo sicuro le sostanze inquinanti ed estrarre e riciclare le materie prime. Attualmente, nei paesi industrializzati come l'Italia, lo schema di trattamento tipico per i RAEE, quando applicato, consente di ottenere un recupero di materia nel range 50-60% (fonte, Rapporto annuale 2021 RAEE). Le frazioni maggiormente recuperate sono il ferro, il rame, le plastiche, il vetro e il legno.

Economia circolare. La ricerca, supportata dalle nuove tecnologie, può innalzare ulteriormente la percentuale di recupero materiali. Per tali ragioni, il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) ha inteso incentivare, anche con appositi bandi, ricerche e progetti atti a favorire una sempre più significativa economia circolare.

E' il caso del Bando per il cofinanziamento di progetti di ricerca finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie per il recupero, il riciclaggio ed il trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). In tale bando ha trovato riconoscimento ministeriale e cofinanziamento il progetto, “Joint technologies for WEEE-cycle closure” (Tecnologie combinate per la chiusura del ciclo dei RAEE) presentato dal Politecnico di Bari in collaborazione con la società Kyma Ambiente Amiu Taranto SpA. 

Il progetto mira a verificare la fattibilità tecnica, economica ed ambientale di un nuovo schema di trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), con particolare riferimento a quelli del raggruppamento R2 (lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, ecc.). Si tratta del raggruppamento dei RAEE maggiormente presente, la cui incidenza negli ultimi anni risulta in continua crescita. Attualmente, i RAEE in oggetto sono gestiti secondo uno schema che prevede operazioni di smontaggio e di recupero di materia e bonifica dei composti/sostanze pericolose, quali triturazione, separazione dei metalli ferrosi e non ferrosi, separazione manuale di altri materiali e smaltimento in discarica delle frazioni non recuperabili.

La ricerca e la nuova metodologia. Al fine di incrementare la percentuale dei materiali recuperati, favorire il recupero di specifici materiali (in primis, alluminio e rame e diverse tipologie di polimeri) e ridurre lo smaltimento delle frazioni non recuperabili in discarica, la ricerca si propone di investigare un nuovo schema di trattamento che, in alternativa allo schema convenzionalmente adottato, preveda: separazione dell’alluminio e del rame mediante tavola densimetrica; macinazione delle plastiche in mulini al alta energia; separazione tribo-elettrostatica delle plastiche finalizzata all’ottenimento di polimeri (ad es. polipropilene, polistirene) di elevata purezza e caratteristiche pari a quelle dei polimeri vergini; pirolisi delle frazioni di RAEE non altrimenti recuperabili, con conseguente caratterizzazione dei prodotti della pirolisi (char, olii pirolitici e gas) e dealogenazione degli olii pirolitici.

L’attività di ricerca, di tipo sperimentale, sarà organizzata in differenti work packages per una durata complessiva di 24 mesi, prevedendo il coinvolgimento, quale partner industriale, di Kyma Ambiente AMIU Taranto Spa, società preposta alla gestione  dei rifiuti urbani (tra cui i RAEE) nella città di Taranto. I risultati ottenuti saranno utilizzati per valutare criticità e punti di forza del “concept note” proposto, utili a Kyma Ambiente e proporre, su scala nazionale, un nuovo modello di gestione dei RAEE.

Obiettivo: recupero materiali fino al 90%. L’intento del progetto è quello di incrementare le efficienze di recupero di materia fino al 90%.

Per tali attività Poliba e Kyma Ambiente metteranno a disposizione le proprie strutture di ricerca. In particolare, il Politecnico, svilupperà i suoi studi sperimentali grazie al moderno Laboratorio di Tecnologie Ambientali (LTA) presente nella sede di Taranto.

Costituzione ATS. Propedeutica all'inizio delle attività di ricerca e sperimentazione è stato l'atto formale di costituzione di una apposita ATS (associazione temporanea di scopo) tra il Poliba e Kyma Ambiente. La sottoscrizione degli accordi è avvenuta lo scorso 15 marzo, presso la sede del rettorato del Poliba, alla presenza del notaio. L'atto è stato sottoscritto dal Rettore, prof. Francesco Cupertino e dal Presidente di Kyma Ambiente, avv. Giampiero Mancarelli. Presenti inoltre, per l'occasione il responsabile scientifico del progetto, prof. Michele Notarnicola del Poliba e l'ing. Cosimo Natuzzi, referente scientifico di Kyma Ambiente. L'atto stabilisce condizioni, tempi, impegni delle parti. Il costo totale del progetto ammonta a 341.016,70 euro. Come da bando, il Ministero MiTE ha finanziato il Poliba con il 49,7% dell'intero importo (169.572,00 euro). La restante parte (50,3%) è stata ripartita tra il Poliba (78%) e Kyma Ambiente (22%).

Le dichiarazioni. Il Rettore del Poliba, Francesco Cupertino. “Questa collaborazione rappresenta un segno di attenzione verso la città di Taranto su una tematica di particolare rilievo che riguarda il recupero e il riciclo dei rifiuti. Mi auguro che i risultati di questa attività potranno essere estesi a tutto il territorio nazionale”.

«Kyma Ambiente-Politecnico è un connubio importante per l’innovazione e l’apprendimentoreplica Giampiero Mancarelli, Presidente di Kyma Ambiente. Per due anni Kyma Ambiente – continua – sarà protagonista di un progetto importante che punta a migliorare la possibilità di riciclo e riuso della materia dei grandi elettrodomestici e delle apparecchiature elettroniche che verranno raccolti e smaltiti dalla nostra azienda attraverso i suoi impianti. Da ciò ne deriverà un abbattimento dei costi grazie alla ricerca supportata dal Politecnico. Taranto diventa sempre più un punto di riferimento per la Green Economy e ne siamo orgogliosi».

Così, infine, il responsabile scientifico del Progetto “Joint technologies for WEEE-cycle closure”, prof. Michele Notarnicola, docente al Politecnico di “Gestione dei rifiuti solidi e bonifica dei siti contaminati”: “con questo intervento concretizziamo una filiera tecnologica innovativa che soddisfa sia le esigenze ambientali, sia i fondamenti dell’economia circolare, attraverso il recupero congiunto di materiali ed energia e la conseguente riduzione dello smaltimento in discarica”.

 

Comunicato stampa.

Bari, 14 marzo 2022 - Gli Starting Finance Club sono associazioni universitarie operanti sul territorio nei principali atenei italiani. Ai Club partecipano soprattutto gli studenti appassionati di finanza.

Dallo scorso 3 marzo, anche il Poliba ha il suo Starting Finance Club PoliBa. L'iniziativa, fondata da un folto gruppo studentesco del Poliba, è stata presentata nell'aula Magna "Domus Sapientae" del Politecnico di Bari dal Presidente del neo Club, Cosimo Carpentiere e da Enrico Boffetti, Direttore Generale. Sono intervenuti, tra gli altri: il Rettore, Francesco Cupertino, il Presidente di Confindusria Bari-Bat - sezione meccanica, elettrica, Cesare De Palma, il Presidente del Consiglio degli Studenti, Eleonora Giammarini.

L'evento, organizzato dal club e stato patrocinato dal Politecnico di Bari e da Confindustria Bari-Bat.

Scopo del Club Poliba è quello di partecipare attivamente al network universitario nazionale per scoprire, approfondire e discutere temi del settore finanziario, ma anche quello di unire persone fisicamente distanti con prospettive e traguardi comuni; fornire gli strumenti per lo svolgimento di attività pratiche di squadra, per mettere alla prova le competenze acquisite; rappresentare il Club del Poliba a competizioni di gestione di portafogli simulati, dimostrando alla community la validità della propria strategia di investimento; organizzare incontri ed eventi con esperti del settore, portando all’interno dell'ateneo testimonianze dirette dal mondo del lavoro. Tali attività, secondo gli organizzatori, favoriranno i partecipanti nello sviluppare una serie di abilità e competenze che apriranno loro le porte al mondo degli investimenti e più in generale al complesso mondo dell’economia e della finanza.

Ad oggi, in Italia, sono operativi 31 Starting Finance Club: Bicocca, Bocconi, Bologna, Catania, Cattolica, eCampus, Federico II, Firenze, Luiss, Macerata, Messina, Padova, Palermo, Parma, Parthenope, Pavia, Pescara, Pisa, PoliMarche, PoliMi, PoliTo, Roma Tre, Salento, Sapienza, Siena, Statale, Tor Vergata, Trieste, UniBa, UniTo e il neo arrivato, Starting Finance Club PoliBa.

 

Comunicato stampa.