Studiare all'estero

Il Politecnico di Bari offre agli studenti l'opportunità di svolgere un periodo di studi all'estero, presso un istituto di istruzione superiore di un paese europeo o extraeuropeo con cui ha attivato accordi bilaterali per lo scambio di studenti, garantendo la possibilità di seguire i corsi, di usufruire delle strutture universitarie e di ottenere il riconoscimento degli esami sostenuti che rientrano così a tutti gli effetti a far parte del curriculum formativo dello studente.

 

Mobilità per studio
Il programma Erasmus+ dell’Unione Europea finanzia lo svolgimento di una parte del proprio programma di studi presso un’università di uno dei “Programme Countries” (lista aggiornata sul sito dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ Italia). In base alle regole del programma Erasmus+, la mobilità dei singoli studenti per studio è gestita direttamente dalle università. 

Il Politecnico di Bari bandisce annualmente borse Erasmus+ di mobilità per studio della durata di un semestre universitario, prolungabile all’intero anno accademico. Al bando possono accedere tutti gli studenti dei corsi di laurea di 1° ciclo (laurea triennale), 2° ciclo (laurea magistrale o laurea magistrale a ciclo unico), 3° ciclo e corsi post-laurea di 2° ciclo (dottorato di ricerca, scuole di specializzazione, master di II livello), con requisiti di ammissione minimi. La selezione avviene sulla base dei risultati accademici, delle conoscenze linguistiche e della qualità del proprio programma di mobilità. Si veda la sezione bandi.

 

Mobilità per tirocinio
Oltre alla mobilità per studio, il programma Erasmus+ dell’Unione Europea finanzia anche lo svolgimento di un tirocinio formativo in un’azienda estera. Si può svolgere il tirocinio anche all’interno di un’università, ma nella veste di tirocinante in un laboratorio di ricerca (e non per lo svolgimento di esami o tesi). Il tirocinio può essere svolto prima o dopo il conseguimento della laurea, ma, in base alle regole del programma Erasmus+, si deve essere stati selezionati per la mobilità prima della laurea.

Il Politecnico di Bari bandisce periodicamente borse Erasmus+ di mobilità per tirocinio, della durata minima di due mesi. I requisiti di ammissione e i criteri di selezione sono analoghi a quelli della mobilità per studio. Si veda la sezione bandi.

 

Studi svolti all'estero e riconoscimento dei crediti
Il riconoscimento dei crediti per esami e altre attività didattiche svolte in mobilità deve essere tempestivo e gestito con procedure efficaci e trasparenti. A questo scopo il Politecnico di Bari si è dotato, con delibera del S.A. n. 1/2015, di un apposito regolamento, composto da una coppia di documenti: "Linee guida per il riconoscimento dei crediti conseguiti all'estero da studenti in mobilità", e "Gestione del processo di riconoscimento dei crediti degli studenti in mobilità all'estero". I due documenti descrivono dettagliatamente il processo di riconoscimento, dai principi generali fino agli aspetti tecnici legati alla registrazione dei crediti sul sistema informativo ESSE3, comprendendo anche le attribuzioni di responsabilità e le tempistiche.

In base a tale regolamento, l'inserimento in carriera di un periodo di studi all'estero equivale alla formulazione di un piano di studi individuale, e come tale deve essere gestito. I principi fondamentali a cui ci si attiene sono i seguenti.

1) I crediti conseguiti all'estero vengono sempre integralmente riconosciuti, purché approvati preventivamente dalla struttura didattica competente (nel Learning Agreement) e attestati della sede estera (con il Transcript of Record ed eventualmente altre certificazioni). 

2) Non si richiede una equivalenza "uno a uno" tra attività didattiche delle due istituzioni, ma una corrispondenza "a pacchetti", coerente con il profilo generale del CdS di appartenenza. 

3) I crediti conseguiti all'estero si riconoscono nella massima misura possibile come attività curricolari; se necessario, alcuni crediti sono riconosciuti come attività extracurricolari da inserire comunque nella carriera dello studente e in particolare nel Diploma Supplement.

4) È consentito non eliminare totalmente un'attività didattica del Politecnico dal piano di studi dello studente, ma ridurla a un numero di crediti inferiore. Ciò è tuttavia consentito solo se l'eliminazione totale risulta impossibile, ad esempio perché i crediti conseguiti all'estero sono in numero insufficiente, o perché sono di tipologia non congruente con l'attività da sostituire.

5) È invece espressamente proibito richiedere un'attività didattica integrativa presso il Politecnico con la motivazione di una non esatta corrispondenza di contenuti tra le attività, o identità di denominazioni. È analogamente proibito richiedere, per la convalida di crediti conseguiti all'estero, esami integrativi da sostenere in sede.

Il regolamento si occupa di diversi aspetti tecnici della trascrizione sul sistema ESSE3 dei crediti conseguiti all'estero. Le scelte tecniche sono guidate dal seguente principio:

- Qualsiasi certificato rilasciato dal Politecnico contenente la lista completa degli esami sostenuti da uno studente descriverà nel modo più fedele possibile le attività didattiche effettivamente svolte, sia curricolari che in sovrannumero.

Le attività formative svolte all'estero (comprese quelle relative ad eventuale preparazione di tesi di laurea) sono quindi trascritte in carriera con i titoli originali riportati nel Transcript of Record.

Il riconoscimento dei crediti conseguiti all'estero è curato dal Coordinatore per la Mobilità Internazionale (o "Coordinatore Erasmus") competente per il corso di studio dello studente, che istruisce la pratica presso il proprio Dipartimento e la trasmette, una volta approvata, all'Ufficio Relazioni Internazionali che ha il controllo della materiale registrazione. Per rendere il processo univoco e veloce viene usato un apposito modulo.

 

Conversione dei voti per esami sostenuti all'estero
La conversione dei voti avviene seguendo la ECTS Users' Guide dell'Unione Europea, che costituisce il riferimento fondamentale per la corretta implementazione della mobilità degli studenti. Lo strumento per la conversione dei voti sono le ECTS Grading Tables (tabelle ECTS), che riportano le distribuzioni statistiche dei voti conseguiti da studenti opportunamente raggruppati (p. es., per area di studi). Al Politecnico di Bari viene utilizzata una tabella ECTS per ciascun corso di studio. Le tabelle ECTS sono aggiornate ogni anno e sono disponibili a questa pagina.