Form di ricerca

Fondo Claudio D'Amato Guerrieri

Con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 52 del 25 maggio 2018, è stata approvata la donazione del patrimonio librario del prof. Claudio D’Amato Guerrieri, docente in quiescenza della ex facoltà di Architettura, di cui è stato fondatore.

Il Fondo rispecchia la formazione a tutto campo del donatore e si articola in tre sezioni.

  •  La prima sezione, quella a carattere “storico”, risale ai suoi anni di studi e lavoro a Roma e comprende prevalentemente monografie di grandi architetti americani ed europei del ‘900, da Louis Kahn a Le Corbusier, Mario Ridolfi, Aldo Rossi e una raccolta di preziosi trattati editi tra il 1521-1990.
  •  La seconda sezione è relativa agli anni del suo insegnamento e di ricerca a Bari e racchiude opere monografiche che spaziano dalla progettazione architettonica all’urbanistica e al design, nonché preziosi cataloghi d’arte e di architettura legati agli eventi espositivi del Novecento. Il suo carattere è specialistico e riguarda molti argomenti di non facile reperibilità, come ad esempio la stereotomia (arte del taglio delle pietre e del legno). Si segnala in questa sezione la presenza di una preziosa serie di tesi di dottorato di ricerca in progettazione architettonica, prodotte, sia nel periodo (1996-2000) in cui il Politecnico di Bari fu sede consorziata con le Università di Palermo, Napoli e Reggio Calabria, sia quando fu promosso il Dottorato di Ricerca autonomo in Progettazione architettonica per i paesi del Mediterraneo (2000-2012).
  • La terza sezione è relativa alle riviste di architettura e urbanistica, sia italiane che estere, che vanno dagli anni ’60 ad oggi, molte delle quali di primaria importanza per gli studiosi di settore in quanto irreperibili.

La consistenza dell’intero fondo è di circa 9.000 volumi, collocato nel DICAR, presso la Biblioteca Marcus Vitruvius Pollio