Dipartimenti e Sedi

Scannerizza il codice QR per recuperare i contatti del personale.

Francescomaria Marino

Qualifica:
Professori Associati
SSD:
ING-INF/05
Telefono:
+390805963710
Fax:
Email:
Indirizzo e-mail
Struttura di appartenenza:

Elenco insegnamenti per l'anno accademico 2016/2017

Denominazione Insegnamento Corso di Studi Percorso
IMAGE PROCESSING AND ARTIFICIAL VISIONINGEGNERIA INFORMATICA (D.M. 270/04)comune
CALCOLATORI ELETTRONICIINGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M.270/04)comune

Elenco insegnamenti per l'anno accademico 2015/2016

Denominazione Insegnamento Corso di Studi Percorso
CALCOLATORI ELETTRONICIINGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M.270/04)comune
IMAGE PROCESSING AND ARTIFICIAL VISIONINGEGNERIA INFORMATICA (D.M. 270/04)comune
LABORATORIO DI INFORMATICAINGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M.270/04)comune

Elenco insegnamenti per l'anno accademico 2014/2015

Denominazione Insegnamento Corso di Studi Percorso
CALCOLATORI ELETTRONICIINGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M.270/04)comune
ELABORAZIONE DI IMMAGINI E VISIONE ARTIFICIALEINGEGNERIA INFORMATICA (D.M. 270/04)comune

Orario di Ricevimento

GiornoOra inizioOra fineLuogo
Venerdì 08:10 09:40Ufficio del docente, secondo piano ex architettura
Note: E' consigliabile verificare la disponibilit del docente contattandolo qualche giorno prima tramite e-mail.
Francescomaria Marino è nato nel 1968 ed ha conseguito la laurea con Lode in Ingegneria Elettronica ed il titolo di Dottore di Ricerca presso il Politecnico di Bari rispettivamente nel 1991 e nel 1996.
Nel Settembre 2001 ottiene una idoneità a Professore Associato in una procedura comparativa bandita dall'Università degli Studi di Lecce. Il 1° Marzo 2002 la <b>I Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Bari</b> (dove era Ricercatore Universitario dal 1° Marzo 1999) lo chiama a ricoprire il ruolo di <b>Professore Associato</b>. Attualmente, è docente del modulo di <b>"Visione Artificiale"</b> (6 CFU, LM ing informatica), e di <b>"Calcolatori Elettronici"</b> (9 CFU, L in ing. informatica e dell'automazione). I suoi principali interessi di ricerca riguardano tematiche relative ad algoritmi ed architetture di calcolo parallelo ad alte prestazioni, in special modo finalizzate ad applicazioni di elaborazione del segnale e delle immagini digitali nel campo della visione artificiale, della robotica, delle telecomunicazioni, dei multimedia, dell'automazione e di altri settori in cui è richiesta una massiccia computazione in tempo reale. La sua attività di ricerca è documentata da circa cinquanta pubblicazioni scientifiche. Inoltre, la valenza applicativa dei risultati raggiunti è suffragata da <b>quattro brevetti industriali (due depositati in Italia dal CNR e due depositati negli Stati Uniti e in Taiwan, di proprietà della Intel Corporation)</b>.
E' Presidente e Responsabile Scientifico dello <b>Spin off APIS - APulia Intelligent Systems</b> (www.spinoffapis.com).
L'attività di ricerca del Prof. Marino si è sviluppata anche in istituzioni diverse dal Politecnico di Bari:
Durante il Dottorato di Ricerca (1992-’95) collabora sia con il <b>Centro di Geodesia Spaziale dell'Agenzia Spaziale Italiana (CGS-ASI)</b> presso Matera che con <b>l'Area del CNR di Lecce</b>, definendo nel primo caso un'architettura bitseriale per l'elaborazione "al volo" di dati SAR (Radar ad Apertura Sintetica) [13, 16] e prendendo parte nel secondo caso al progetto RETIR relativo ad una architettura di calcolo per la ricostruzione in tempo reale di immagini da dati rilevati da un tomografo ad emissione di positroni 3-d (3-D PET), arrivando alla redazione di un brevetto [4].
Nel 1996 vince, classificandosi al 1° posto nella classifica di merito con punti 50.00/50, una Borsa di Studio annuale nell’ambito della tematica INFORMATICA (Bando CNR n. 201.02.49), e lavora presso <b>l'Istituto Elaborazione Segnali ed Immagini del CNR (IESI-CNR) </b> definendo un'architettura di calcolo per effettuare in tempo reale gli algoritmi di visione per consentire il moto in maniera automatica di un veicolo mobile autonomamente (AMV) [8, 17].
Nel 1997, grazie ad una borsa di studio per l’estero per ricerche e applicazioni nel campo delle discipline afferenti al Comitato Nazionale per la “Scienza e le Tecnologie dell’Informazione” (Bando CNR n. 203.15.8), è <b>Visiting Researcher presso la University of Texas at Austin</b>. Principalmente si occupa dell'implementazione parallela, sia tramite ASIC che su rete di DSP di trasformate multidimensionali. Uno dei risultati più importanti è la riformulazione delle stesse trasformate evitando del tutto il bisogno di scambio di dati fra processori (corner-turning) con un rilevante beneficio in termini di speed-up [14, 15].
Nel 1998 è assunto dal <b>Telecommunications Research Center (Department of Electrical Engineering, Arizona State University)</b> come <b>Faculty Research Associate</b>, dove lavora in collaborazione con la <b>Digital Imaging and Video Division</b> della <b>Intel Co</b>. Vengono definiti algoritmi e hardware per la compressione di immagini digitali in formato RGB da implementare in dispositivi di acquisizione di immagini digitali [12]. La valenza industriale di tale ricerca è evidenziata dalla redazione di due brevetti industriali depositati dall'Intel Co. negli Stati Uniti ed a Taiwan [2, 3].
Nei mesi estivi del 1999, da Ricercatore Universitario del Politecnico di Bari, grazie ad un congedo straordinario per motivi di studio e ricerca scientifica ai sensi dell’art. 8 della legge 349/58, è <b>Invited Visiting Researcher presso il Tampere International Center for Signal Processing (TICSP)</b> della <b>Tampere University of Technology (Finlandia)</b>. Collabora con il <b>Nokia Research Center</b>, Tampere alla definizione di una architettura per il calcolo della Discrete Wavelet Transform (DWT) con specifiche di alta velocità e di efficiente consumo [9, 10, 11]. La DWT costituisce il fondamento di algoritmi di compressione quali il JPEG2000.
Attualmente, è ricercatore associato all'<b>Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l'Automazione del CNR (ISSIA-CNR)</b>, prestando la sua esperienza nel settore delle architetture di calcolo ad alte prestazioni in contesti applicativi di interesse dell'Istituto. Alcuni significativi risultati di tale sinergia sono documentati in [5] e nel brevetto [1].
Il Prof. Marino è ben noto nella comunità scientifica internazionale che si occupa di architetture di calcolo ad elevate prestazioni, così come in quella dell'elaborazione dei segnali e delle immagini, come dimostrano le numerose citazioni ricevute dalle proprie pubblicazioni. Egli presta frequentemente servizio come revisore di articoli sottomessi per la pubblicazione su riviste internazionali quali IEEE Transactions on Signal Processing, IEEE Transactions on Image Processing, IEEE Transactions on Multimedia, IEEE Transactions on Circuits and Systems, IEE Electronics Letters, International Journal of Systems Architectures, IEEE Signal Processing Letters, International Journal Engineering Applications of Artificial Intelligence, Computers & Electrical Engineering.
Francescomaria Marino was born in 1968. He received “Laurea cum Laude” in Electronic Engineering and Ph.D. respectively in 1991 and 1996 from Polytechnic of Bari (Italy). Since March 2002, he is <b>Associate Professor</b> of <b>"Computer Architecture"</b>, <b>"Computing Systems for TLC"</b> and <b>"Artificial Vision"</b> at the <b>Department of Electrical and Electronic Engineering of the Polytechnic of Bari</b>, Italy, where he was Assistant Professor since March 1999.
His main research interests are highly-performing algorithms and architectures for digital image and signal processing targeted to those fields such as artificial vision, robotic, visual inspection, telecommunications, multimedia, automatic control and whatever needing real-time massive computation. In these fields, Prof. Marino authored approximately fifty scientific papers appeared on international journals and conferences, and co-authored four patents (two registered in Italy by the <b>Italian National Council of Researches -CNR- </b>and two patents registered in US and Taiwan by <b>Intel Co. </b>).
Prof. Marino has conducted researches also working in various institutions different from Polytechnic of Bari:
During his Ph.D. studies (1992-’95), he cooperated with the <b>Space Geodesy Center of the Italian Space Agency (CGS-ASI)</b> working on a bitserial architecture for the Synthetic Aperture Radar (SAR) "on-the-fly" data processing [13, 16].
Moreover, jointly with the <b>Section of the CNR of Lecce</b>, he developed the RETIR project, dealing with an architecture for the real time image reconstruction from data acquired by a 3-D Positron Emission Tomography (PET), co-authoring the patent [4].
In 1996, he was Researcher at the <b>Institute of Signal and Image Processing of the Italian National Council of Researches, Italy (IESI-CNR)</b>, mainly working on the real-time hardware implementation of the vision algorithms needed by an autonomous mobile vehicle (AMV) for its automatic motion [8, 17].
In 1997, he was <b>Visiting Researcher at the Electrical and Computer Engineering Department of the University of Texas at Austin</b>, United States. His research mainly concerned the parallel implementation of various multidimensional transforms, both by means of a DSPs network, and by means of ASICs. He showed an alternative formulation of separable transforms which leads to avoid at all the need of inter-processor communications in the parallel environment (corner turning) and thoroughly speeds-up the computing performance [14, 15].
In 1998, he was <b>Faculty Associate Research</b> at the <b>Telecommunications Research Center of the Arizona State University (TRC-ASU)</b>, United States. He worked jointly with the <b>Digital Imaging and Video Division</b> of the <b>Intel Co.</b> Chandler, AZ. The research was targeted to the definition (and the hardware implementation) of a codec for RGB images, as they are acquired by digital imaging capturing devices[12]. This research has also produced two patents registered by Intel Co. in US and Taiwan [2, 3].
In the summer 1999, he was <b>Invited Visiting Researcher</b> at the <b>Tampere International Center for Signal Processing, Tampere University of Technology (TICSP-TUT)</b>, Finland, where he worked jointly with the <b>Nokia Research Center</b>, Tampere. The performed research concerned the high speed-low power hardware implementation of the Discrete Wavelet Transform [9, 10, 11], which is the corner stone of the emerging standard JPEG2000.
Currently, Prof. Marino is an associated researcher of the <b>Institute on Intelligent Systems of the Italian National Council of Researches (ISSIA-CNR)</b>, exploiting his experience in the field of high performance computing architectures in those applicative contexts which are of interest of ISSIA. Main significant results of this collaboration are described in [5] and in the industrial patent [1].
Prof. Marino is well known in the international scientific community which works in the fields of high performance computing architectures, as well as in the digital image and signal processing community, as shown by many citations received by his publications. He frequently serves as reviewer in several scientific international journals such as IEEE Transactions on Signal Processing, IEEE Transactions on Image Processing, IEEE Transactions on Circuits and Systems, IEE Electronics Letters, International Journal of Systems Architectures, IEEE Signal Processing Letters, International Journal Engineering Applications of Artificial Intelligence, Computers & Electrical Engineering.